Siccità. Fatta cabina di regia per l’emergenza idrica. Allarme su Palermo: “C’è acqua solo per nove mesi”.

0
281

E’ stata istituita, su proposta del presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, la cabina di regia per l’emergenza idrica. Lo ha deciso il governo siciliano nel corso della riunione di giunta. La struttura, che avrà il compito di individuare, stimolare e coordinare gli interventi più urgenti e indifferibili per mitigare gli effetti della crisi, sarà guidata dallo stesso Schifani e coordinata dal capo della Protezione civile siciliana, Salvo Cocina. Si doveva arrivare all’emergenza per iniziare a e prendere provvedimenti in Sicilia sul fonte dell’erogazione idrica. Ora bisogna recuperare i ritardi ma per attuare provvedimenti occorre tempo e se mette il bastone tra le ruote la burocrazia addio ad iniziative. Passerano anni anche se il tempo stinge per mettere in atto iniziative allo scopo di mitigare i disagi. Occorre intervenire sulle dighe, occorre lavorare per evitare perdite. Si calcola che il 52 per cento si perde nel sottosuolo. Schifani può varare tutte le cabine di regia che vuole se non si fa un grande salto di qualità nell’affrontare i problemi, Sicilia in ginocchio e attività al collasso come l’agricoltura con il rischio anche per il turismo. No ai proclami per raccattare qualche voto. Della cabina di regia ne fanno parte il dirigente generale del dipartimento regionale Tecnico Duilio Alongi; l’avvocato generale della Regione Giovanni Bologna; Mario Cassarà del dipartimento regionale Acqua e rifiuti; Antonino Granata dell’Autorità di bacino del distretto idrografico della Sicilia; Giorgio Domenico Micale, professore ordinario di Teorie dello sviluppo dei processi chimici del dipartimento di Ingegneria dell’università di Palermo e altri esperti. Gli assessori all’Agricoltura, all’Energia e alle Infrastrutture potranno partecipare alle riunioni della struttura, che si insedierà domani pomeriggio a Palazzo d’Orléans. Il pool sarà coordinato da Salvatore Cocina, capo della Protezione civile. L’Autorità di bacino lancia l’allarme su Palermo: “C’è acqua solo per nove mesi”.