Ser D. di Alcamo, ‘Sportello Ascolto’ in tutte le scuole. In anonimo per alcol, droga e bullismo

Con l’apertura delle scuole partirà la nuova campagna, fatta di incontri, tra gli operatori del Ser. D di Alcamo e gli studenti. Gli istituti Pietro Maria Rocca, Girolamo Caruso e Nino Navarra, già hanno messo a punto piani di informazione, ma le richieste sono arrivate da tutti gli istituti. Gli incontri saranno tenuti da Vincenzo Trapani, direttore del Ser D. di Alcamo, dalla psicologa Brunella Barbara e da Guido Faillace, direttore dipendenze patologiche Asp di Trapani, più sei psicologi specializzandi inviati da pochi giorni dall’Asp. In ogni istituto funzionerà uno Sportello ascolto dove un operatore del Ser D. in forma anonima, incontrerà studenti minorenni con problemi di alcol, droga, bullismo, ludopatia e altro.

La campagna partirà a metà ottobre. Incontri con lo scopo soprattutto di sensibilizzare i giovani ad evitare l’uso di alcol e droga, che dilaga ad Alcamo dove un record si registra la domenica mattina. Gli operatori ecologici riempiono tre camioncini di bottiglie vuote di alcolici. Oltre 3 mila bottiglie, 2 mila ad Alcamo e mille ad Alcamo Marina. Le zone sono quelle delle piazze Repubblica, Ciullo e Collegio dei gesuiti. Ad Alcamo Marina sul lungomare Battigia. Ma con la villeggiatura agli sgoccioli da sabato prossimo il concentramento dei frequentatori della movida, spesso selvaggia, si trasferirà in città. La bottiglia di birra in mano da sorseggiare è diventata una sorta di status symbol.

Coinvolge uomini e donne di tutte le età come dimostrano le  segnalazioni che arrivano ogni martedì al Ser D. di Alcamo. Mediamente sono una decina quelli beccati, nel fine settimana dalle forze dell’ordine, alla guida con un tasso alcolemico molto elevato. Accertato che anche ad Alcamo si inizia a bere a 12 anni: sia ragazzi che ragazze. E soprattutto nelle notti del sabato sera girano traballanti. Nessun controllo effettuato dalle forze dell’ordine così come per la musica sparata all’aperto ad altissimo volume. Ad Alcamo si aprono solo locali  per spacciare alcolici.  Nessun controllo durante le notti delle movide selvagge. E cresce la sfiducia delle persone verso le Istituzioni.