Sanità, ok alla definizione di eroi ma la CISL solleva all’ASP l’aspetto economico

“Non basta essere definirli eroi, ai sanitari dipendenti dell’Asp di Trapani va dato il giusto riconoscimento per il lavoro svolto”. Ad affermarlo sono Francesco Blunda segretario aziendale della Cisl Fp Palermo Trapani all’Asp di Trapani e Antonino Passavanti, coordinatore Cisl Medici di Trapani, che chiedono al commissario dell’azienda sanitaria, Paolo Zappalà, di convocare con urgenza le sigle sindacali proprio per affrontare l’argomento.

“A questi dipendenti va riconosciuto anche economicamente quanto loro dovuto – aggiungono Blunda e Passavanti –  a partire dalla produttività del 2019 fino al bonus Covid, le cui somme sono state già liquidate dall’assessorato regionale della Salute alla nostra azienda, per poter essere immediatamente disponibili e quindi erogabili a tutti i lavoratori”.

Secondo la funzione pubblica e i medici del sindacato cislino “va avviata la contrattazione decentrata integrativa aziendale, per poter almeno iniziare a discutere di un contratto nazionale già da tempo scaduto”. “Adesso attendiamo che il commissario dell’Asp di Trapani dia indicazioni utili e risolutive per convocare al più presto il tavolo richiesto – concludono i sindacalisti Blunda e Passavanti – qualora, ancora una volta, le nostre legittime rivendicazioni rimanessero inascoltate, saremo costretti ad attivare tutti gli strumenti sindacali a nostra disposizione a tutela di tutti i  lavoratori”.