Salemi-Disperso su Montagna Grande, recuperato dall’Aeronautica Militare

 

img-20161122-wa0017Era uscito con alcuni amici alla ricerca di funghi, in località Montagna Grande, nei pressi di Salemi, ma quella che doveva essere una tranquilla passeggiata nei boschi si è trasformata in una brutta disavventura per un sessantenne. Accortosi, ad un certo punto, di aver dimenticato il cellullare, aveva lasciato il gruppo per tornare indietro a prenderlo, ma è caduto in un crepaccio. Gravemente ferito, con una costola fratturata ed un polmone lacerato, e senza possibilità di chiedere aiuto, è rimasto disperso per oltre 24 ore. I compagni lo hanno cercato a lungo, ma invano, per cui è scattato l’allarme. L’elicottero dell’82° Centro Combat S.A.R. (Search and Rescue) del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare di Trapani Birgi, decollato alle 16:08 su ordine del Comando delle operazioni aeree di Poggio Renatico, ha raggiunto la zona in circa cinque minuti e dopo mezz’ora di ricerche, nonostante nel frattempo fosse sopraggiunta l’oscurità, l’uomo è stato individuato con l’ausilio dei visori notturni in dotazione. A contribuire al ritrovamento del sessantenne anche il suo spirito di iniziativa: era riuscito infatti a segnalare la sua posizione grazie alla flebile luce di una piccola torcia che aveva portato con sé. La zona era talmente scoscesa da impedire persino l’atterraggio dell’elicottero, ma l’equipaggio è riuscito comunque a calare due aerosoccorritori che hanno recuperato l’uomo, in condizioni così critiche da escludere la possibilità di utilizzare il verricello, come normalmente avviene. L’operazione si è conclusa con successo; dopo il primo intervento dell’equipaggio dell’Aeronautica Militare, è arrivato sul posto un team sanitario proveniente da Salemi, del quale faceva parte anche la moglie dell’infortunato, medico. L’équipe, supportata dagli specialisti in soccorso aereo, ha così stabilizzato l’uomo, il quale è stato imbarcato sull’elicottero tramite la “barella verricerrabile”, in dotazione per simili evenienze, per il successivo trasporto presso la base di Birgi e, infine, all’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani.

img-20161122-wa0014

img-20161122-wa0012