Regione, prescrizioni e regole chiare per le consegne a domicilio. Concorda l’on. Palmeri

Consegna a domicilio di prodotti alimentari e di combustibili per uso domestico anche nei festivi. L’ultima ordinanza del dipartimento della protezione civile della Sicilia dispone anche l’uso delle mascherine e dei  guanti monouso per i riders che effettuano il servizio, l’impiego dei pos per il pagamento telematico o, in alternativa, il mantenimento delle distanze minime di sicurezza per i pagamenti in contanti.

“Regolamentare le consegne la domicilio, in piena emergenza Covid-19, era importante e doveroso. Siamo contenti che il Dipartimento della Protezione Civile della Regione Siciliana lo abbia fatto accogliendo le proposte che abbiamo suggerito e che abbiamo messo a punto con la Croce Rossa”. Lo ha detto l’alcamese Valentina Palmeri, parlamentare regionale del Movimento 5 Stelle.  “In questo momento tanto delicato  la politica deve guardare al Bene Comune e quindi è obbligo morale per tutti i deputati mettere a disposizione di questo ogni risorsa materiale ed immateriale, vista la situazione eccezionale”, ha aggiunto la deputata all’Ars Valentina Palmeri  a commento della circolare della Protezione Civile che prevede comportamenti ben precisi per i riders che si occupano delle consegne a domicilio.

“Le prescrizioni della circolare trovano attuazione – ha spiegato l’esponente alcamese pentastellata – sia nei confronti delle aziende che effettuano consegne o ritiri a domicilio che delle associazioni di volontariato che svolgono servizi di ritiro e consegna a domicilio della spesa alimentare a favore delle persone con più di 65 anni che vivono da sole in casa, dei disabili e di coloro che non hanno possibilità di spostarsi”.

L’on. Palmeri già precedentemente si era occupata dei  riders, i lavoratori che effettuano le consegne a domicilio, e del servizio. L’ultima volta durante la settimana santa quando criticò le scelte del governo regionale che vietarono le consegne dei giorni di pasqua e pasquetta. “Il servizio può diventare un metodo strategico, una soluzione per ridurre l’urgenza di uscire. Il governo deve dettare le necessarie ed uniformi regole in materia di protezione dei lavoratori, i cosiddetti riders” aveva detto la Palmeri. Regole uniformi e severe che poi sono arrivate.