“Reddito di libertà”, la Regione Sicilia approva la misura per le donne vittime di violenza.

Approvato l’avviso pubblico a sportello per finanziare il “reddito di libertà”, da destinare alle donne vittime di violenza per sostenerle in un percorso di indipendenza economica ed emancipazione che possa aiutarle  e favorire l’autonomia abitativa, l’occupabilità o la creazione di un’attività di impresa.   La misura è diretta ai Comuni siciliani in sinergia con i Centri antiviolenza o con le strutture di accoglienza ad indirizzo segreto iscritte all’Albo regionale.

Tra le spese ammissibili, il contributo al pagamento del canone di affitto per abitazione o attività lavorativa, l’acquisto di attrezzature, arredi, materie prime, le spese di allaccio per le utenze, le polizze assicurative, le licenze, i permessi, le autorizzazioni. Le risorse sul prevedono una disponibilità di 234.364,52 euro fino ad esaurimento dei fondi. L’istanza di contributo potrà essere presentata a partire dal 10 ed entro il 31 ottobre.