Reddito di Cittadinanza e lavori di pubblica utilità. Enti pubblici ancora al palo

Quasi 3 mila a Marsala, 2750 a Trapani, 2236 a Mazara del Vallo, 1.534 a Castelvetrano, un migliaio ad Alcamo e 612 a Campobello di Mazara. Sono questi i numeri dei percettori del reddito di cittadinanza in provincia di Trapani dove è a Castelvetrano il rapporto più alto fra beneficiari e abitanti, uno ogni 20.  Ultima in classifica, come  numero di percettori, è il piccolo centro di Vita con 34 cittadini ammessi al beneficio. Il provvedimento fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle è andato avanti in diverse fasi. L’ultima si sarebbe dovuta concretizzare due giorni fa quando il piccolo esercito composto da coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza avrebbe dovuto cominciare ad essere impiegato nei comuni di residenza per lavori di pubblica utilità. “Un atto importante nel percorso di costruzione di un moderno sistema di welfare state che rinsalda il patto tra Stato e cittadino” – aveva detto il ministro Catalfo.

Ma in Italia le scadenze sono fate per non essere rispettate specialmente quando non sono perentorie e non prevedono sanzioni, Così alla data del 15 gennaio nessuno in Sicilia ha avviato i progetti per le attività che i beneficiari del sussidio “anti povertà” dovranno svolgere. Martedì a Palermo, ei locali dell’assessorato regionale alla Famiglia, si terrà un incontro con i comuni isolani per meglio comprendere e definire gli ultimi dettagli operativi. Si dovrebbe trattare dell’ultimo passaggio per procedere all’avvio dei lavori utili da assegnare ai percettori del reddito di cittadinanza. Al comune di Alcamo si sono individuate le aree in ambito sociale nelle quali avviare i beneficiari e si stanno mettendo a posto alcuni passaggi per garantire la loro copertura in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. I percettori del reddito di cittadinanza dovrebbero quindi avviare le loro attività di pubblica utilità, per conto del Comune di Alcamo, entro il 15 febbraio, un mese dopo quella scadenza che in Sicilia nessuno ha praticamente rispettato.