Provincia di Trapani, + 43 in una settimana. Focolai a Mazara e Marsala

Si è conclusa la settantesima settimana di pandemia in provincia di Trapani. Il primo caso vene registrato il 10 marzo dello scorso anno, un insegnante di Marsala, e subito dopo il funzionario alcamese dell’ASP, Franco Regina. Negli ultimi sette giorni si sono registrati nel trapanese 43 positivi in più provocati soprattutto dai focolai di Marsala (+24) nella settimana appena conclusa) e di Mazara del Vallo (+15).

Il festeggiamento di una ricorrenza ha causato una lieve risalita anche a Castellammare del Golfo dove da tre si è saliti a 6. Ad Alcamo, invece, anche in quest’ultima settimana sono in calo gli attualmente positivi: 16 sabato scorso e 12 oggi. In provincia, oltre Mazara 67 e Marsala 59, il comune in cui si registra il maggior numero di positivi è Castelvetrano con 21 seguito da Alcamo e poi Trapani sceso a 9. Il totale provinciale è al di sopra di 220 con 341 morti 13.665 guariti in 16 mesi di pandemia Ospedali sempre quasi vuoti: un solo ricoverato in terapia intensiva e 11 nei reparti ordinari covid.

Quattro i comuni in cui non è più presente alcuna positività: Buseto Palizzolo, Favignana, Partanna e Salaparuta. Un solo caso a Calatafimi, Custonaci, Gibellina, Pantelleria, Paceco, Poggioreale, Salemi, San Vito Lo Capo e Valderice. Rispetto all’estate scorsa il quadro è parecchio differente. Gli attualmente positivi sono molti di più ma le ospedalizzazioni sono del tutto scemate grazie anche all’incremento del numero dei vaccinati.

Il 3 luglio dello scorso, in tutta la provincia di Trapani c’erano soltanto due positivi, entrambi a Marsala, in isolamento domiciliare obbligato. Si andò avanti su cifre irrisorie per tutta l’estate mentre dal 25 agosto ripartì l’impennata.