Polizia municipale di Alcamo, Fazio lascia in anticipo. A dicembre Bacile

Da sinistra Fazio e Bacile

Con 15 giorni di anticipo rispetto alla scadenza del suo contratto triennale di dirigente, Giuseppe Fazio, 56 anni, si dimette da comandante della polizia municipale di Alcamo. Una decisione scaturita da ragioni di opportunità e forsanco da una riflessione un po’ amara alla luce dell’ingresso, il primo dicembre prossimo, del nuovo comandante dei caschi bianchi alcamesi.

Si tratta di Ignazio Bacile, laurea in scienze politiche, che ha superato tutte le prove del concorso per comandante della Polizia
municipale, selezione pubblica alla quale avevano partecipato 25
concorrenti e, tra questi, lo stesso Fazio. Il comandante dimissionario, che rimarrà nei ranghi come vice-comandante, qualifica che risale alla sua assunzione nel 1996, da circa 25 anni aveva guidato il corpo ottenendo lusinghieri risultati. Per oltre un ventennio ha avuto l’incarico come facente funzioni prima di vincere il concorso interno bandito nel 2017.

Adesso ha preferito mettersi da parte con un paio di settimane di
anticipo. Non lo dice apertamente ma dover cedere quel posto che
occupava da un quarto di secolo sicuramente gli darà un po’ di fastidio, soprattutto alla luce dei tanti sacrifici profusi. I vigili urbani, in attesa dell’arrivo del nuovo, saranno guidati ad interim da Vito Bonanno, segretario generale del comune. Poi il primo dicembre si insedierà Ignazio Bacile, proveniente da Bisacquino, che ha diverse esperienze professionali ed esperienze a cominciare dall’undicesimo reparto mobile di Palermo e dall’attività di dirigente sindacale della Fp-Cigl. Il nuovo comandante della polizia municipale vanta anche il premo Polizia Locale Sicilia e benemerenze dalla Presidenza del consiglio dei ministri e dal Dipartimento nazionale della Protezione civile.