Pierobon fa spazio a una donna. Genovese nell’UDC per decidere

Sarà l’assessore all’energia, Alberto Pierobon, a lasciare la giunta regionale per fare spazio all’ingresso di una donna.  lascerà la giunta Musumeci. Si è conclusa così la lunga giornata di riunioni tra presidente della Regione e i vertici dell’Udc e poi tra gli stessi dirigenti del partito dello scudo crociato. L’assessore, che dal marzo 2018 si è occupato dell’emergenza rifiuti e degli intricati intrecci che vi ruotano attorno, dovrebbe rimettere il mandato entro domani.

Al suo posto, l’Udc, rappresentato nel governo regionale soltanto dall’alcamese Mimmo Turano (che detiene l’assessorato alle Attività produttive), dovrebbe indicare una donna, come chiesto e sollecitato dallo stesso Musumeci per anticipare la sentenza del Tar che tra dieci giorni si pronuncerà sul ricorso con cui è stato contestato al governatore della Regione il mancato rispetto della parità di genere previsto dalla legge. La designazione del nuovo assessore donna potrebbe però passare da Luigi Genovese, recordman di preferenze, figlio di Franco Antonio, eletto in Forza Italia ed attualmente capogruppo di Ora Sicilia. Da tempo si ventila il suo passaggio all’UDC.

Movimento che potrebbe accadere proprio adesso anche per dare allo stesso Genovese la facoltà di scegliere l’assessore donna da nominare al posto di Alberto Pierobon. Di certo il centro della coalizione che appoggia Musumeci è in fibrillazione. La mossa Genovese, se da un latto andrebbe a rafforzare il partito, dall’altro indebolirebbe notevolmente la posizione dell’onorevole Turano all’interno dello stesso partito.