Petrosino, sindaco rinuncia ad auto blu

    0
    299

    Sei mila euro all’anno è il risparmio per le casse comunali di Petrosino, grazie alla decisione del sindaco Gaspare Giacalone, di rinunciare all’attuale auto blu per cui il comune paga un canone leasing, destinando la somma risparmiata al parco giochi dei bambini “Parco della Pace”.

    L’auto di rappresentanza che verrà utilizzata dal sindaco e dall’amministrazione comunale, una Bmw serie 3, è uno dei mezzi confiscati alla mafia nel territorio di Petrosino che nei mesi scorsi sono stati assegnati al Comune dalla Sezione Misure di Sicurezza del Tribunale di Trapani.

    Una rinuncia dalla doppia valenza dunque: da un lato evidenzia l’occhio attento del primo cittadino alla spending review, in tempi in cui la parola d’ordine è il contenimento della spesa, imposto dalle difficoltà finanziarie sempre più pressanti a cui devono far fronte i Comuni, dall’altra rappresenta un chiaro messaggio nei confronti di Cosa Nostra.

    Non a caso sui mezzi comunali, a cominciare dai mezzi confiscati alla criminalità organizzata, e sulle porte di tutti gli uffici del Palazzo Comunale è stato affisso un adesivo che riporta la scritta “Petrosino dice no alla Mafia”.

    “Dire no alla mafia non è solo uno slogan, – sono le parole del Sindaco Giacalone – è un principio di legalità  ed è un messaggio chiaro e forte rivolto alla nostra comunità di cittadini. Un messaggio in cui tutti devono potersi identificare. Come già fatto nei mesi scorsi- conclude il primo cittadino di Petrosino – come amministrazione, continueremo a chiedere l’assegnazione di beni mobili e immobili che sono in procinto di essere confiscati”.