Partinico, sit-in solidarietà per carabinieri e polizia

0
493

PARTINICO. Un sit-in per solidarizzare con le forze dell’ordine. L’iniziativa è stata organizzata dal comitato civico “Partinico città d’Europa” per dimostrare la vicinanza nei confronti di Carabinieri e Polizia della città, oggetto nei giorni scorsi di un’interrogazione parlamentare da parte dei deputati alla Camera, Magda Culotta e Franco Ribaudo, indirizzata al ministro dell’Interno Angelino Alfano con la quale si chiedono chiarimenti in merito all’assenza delle forze dell’ordine al Consiglio Comunale straordinario di Partinico convocato per solidarizzare con il sindaco Salvo Lo Biundo dopo le presunte intimidazioni subite. Una lettera dura in cui si chiedeva proprio una verifica interna ai due presidi delle forze dell’ordine rispetto al perché dell’assenza dei vertici di carabinieri e polizia. Un atteggiamento visto dai due parlamentari come poco rispettoso nei confronti delle istituzioni e soprattutto di un primo cittadino che è stato considerato come bersaglio della criminalità. Il Consiglio Comunale straordinario era stato convocato lo scorso 27 aprile dopo gli episodi del ritrovamento di un bigliettino con minacce di morte ed una testa mozzata di animale nei pressi del palazzo di città, avvenuti a pochi giorni di distanza l’uno dell’altro. “E’ inaudito che vengano attaccati in modo tanto violento e certo Carabinieri e Polizia per non essere stati presenti ad un Consiglio Comunale – scrivono in una nota stampa gli esponenti del gruppo “Partinico città d’Europa” – che verteva solo su ipotesi di reato e dal quale si sono assentati molti componenti del medesimo organo. E’ inaudito che vengano attaccati nel loro lavoro, rischioso e faticoso, uomini che assicurano a questo territorio martoriato l’unica presenza di legalità e di statalità degna di questo nome; E’ inaudito che si cerchi di gettare discredito su questi presidi di civiltà e di sicurezza che sono costituiti dai Carabinieri e dalla Polizia di Stato”. Il sit-in è stato organizzato prima in piazza Duomo, a pochi passi dalla sede del commissariato; dopodiché il corteo si è spostato in via Carlo Alberto Dalla Chiesa, proprio davanti alla Compagnia e stazione dei carabinieri.