Partinico: parcheggi a pagamento, si riparte

0
399

Ripartono i parcheggi a pagamento dopo lo stop di un mese deciso ad inizio del mese di agosto per permettere una “ristrutturazione” del servizio ed un adeguamento per superare determinate criticità. Si riparte con diverse novità: più introiti per la società che ha in gestione il servizio, la New Service di Messina, e soprattutto l’introduzione della rimozione forzata. Per i cittadini indisciplinati sono in arrivo delle vere e proprie stangate: per la prima volta in città infatti entrerà in vigore il servizio di rimozione delle auto in divieto di sosta con multe salatissime. Ancora incerto il giorno esatto della ripartenza del ticket per i parcheggi: “Stiamo predisponendo le delibere e tutti gli atti necessari, possibile che da lunedì già si possa partire. Comunque è una questione di pochi giorni” assicura l’assessore alla Polizia municipale Vito D’amico. L’amministrazione comunale ha organizzato con la New Service un incontro in questi giorni proprio per stabilire alcune novità da introdurre nella convenzione che regola il rapporto tra il Comune e la società stessa: “Era necessario apportare dei correttivi – aggiunge D’Amico – per garantire un miglioramento al servizio nei confronti della collettività, ma al contempo anche in relazione ad un’ottimizzazione del sistema che metta in condizione la ditta che ha in gestione i parcheggi di lavorare al meglio”. Tra le novità introdotte l’introduzione dei 5 minuti di tolleranza per chi parcheggia superati i quali scatterà la multa. Per chi invece supera i 5 minuti dalla scadenza del ticket sarà introdotta una sorta di sanzione che sarà comminata dagli stessi ausiliari del traffico il cui introito sarà quasi interamente incassato dalla New Service e una piccola parte invece (attorno al 20 per cento) dal Comune. Si parla di una “mini-sanzione” che si aggirerà attorno ai 7-8 euro. “Saranno inoltre garantiti tutti i posti auto effettivi come da convenzione” precisa D’Amico. Ad oggi infatti parte degli stalli non sono stati gestiti per la mancata delimitazione degli stessi da parte del Comune. I parcheggi a pagamento così saliranno dagli attuali 300 a 360 circa, garantendo quindi alla ditta un maggiore introito. La stessa New Service inoltre si è assicurata il servizio di rimozione dei veicoli in divieto di sosta con rimozione forzata. Anche questa era una parte della convenzione rimasta per l’appunto inapplicata e che aveva spinto la ditta a esternare la sue rimostranze nei confronti del Comune per il “mancato adempimento della convenzione”.