Partinico, furto di energia elettrica: ancora un arresto

Ancora un arresto a Partinico per furto di energia elettrica: questa volta si tratta di un pasticciere partinicese di 35 anni, di cui i militari dell’Arma hanno fornito solo le iniziali: A.I.. I carabinieri intervenuti presso l’esercizio commerciale gestito dall’uomo hanno constatato che, col solito trucco del magnete, aveva manomesso il contatore elettronico installato presso la propria attività al fine di registrare un consumo di energia elettrica inferiore del 99% rispetto al dato reale. I carabinieri della locale Compagnia hanno quindi fatto scattare le manette con l’accusa di furto aggravato di energia elettrica. Su disposizione dell’autorità giudiziaria, il 35enne è stato posto agli arresti domiciliari in attesa del giudizio con rito direttissimo, fissato per questa mattina presso il Tribunale di Palermo, e conclusosi con la convalida dell’arresto. Nel corso dell’udienza sono stati richiesti i termini a difesa, pertanto è stato rimesso in libertà. Solo una settimana fa l’arresto di un altro partinicese, che aveva destato parecchio scalpore in città: quello del titolare della sala multicinema del paese, l’Empire Cinemas. Anche in quella occasione era stato messo in pratica il collaudato sistema del magnete per risparmiare sulle bollette. In quel caso il rito direttissimo si era concluso con la convalida dell’arresto ed il patteggiamento a otto mesi di reclusione e 200 euro di multa, con pena sospesa. I dati relativi agli arresti e alle denunce eseguite dai carabinieri del Comando provinciale di Palermo dall’inizio dell’anno fino ad oggi, rivelano numeri importanti sul fenomeno: 112 persone arrestate, di cui 89 uomini e 23 donne e 73 denunciate in stato di libertà di cui 44 uomini e 29 donne.