Partinico, De Luca potrebbe restare? Difficile che i consiglieri si dimettano

0
110

Se in qualche manifestazione istituzionale fuori città ha rappresentato Partinico con la sua presenza, il sindaco dimissionario Maurizio De Luca non si vede al palazzo municipale da giorni, esattamente dal 2 maggio scorso, data in cui ha rassegnato le dimissioni scrivendo una breve nota al segretario generale del comune. “Non ci sono le condizioni per programmare con questo clima che rende ingovernabile Partinico” aveva asserito De Luca.

Ma cosa accadrà adesso. Di certo mai verrà fuori un’ampia volontà consiliare pronta a dimettersi qualora il primo cittadino non tornasse indietro. I consiglieri comunali partinicesi, nella loro stragrande maggioranza, rimarranno attaccati al loro scranno, comunque vada. Pare invece che il sindaco De Luca, eletto un anno fa, possa ripensarci. Il primo cittadino partinicese ha ancora 12 giorni di tempo per confermare o ritirare le sue dimissioni. Stanno lavorando per convincerlo soprattutto i tre assessori rimasti in carica, Lo Baido, Longo e Supporta, che starebbero provando a raggranellare una maggioranza che possa sostenere la giunta De Luca.

Clima politico comunque pesante con tanti politici pronti anche a voltare le spalle sul più bello. Sia la giunta che il consiglio comunale, a Partinico, sono fortemente colorati di centrodestra, eppure non si riesce a mettere d’accordo le tante anime che lo compongono e le individualità all’interno delle stesse anime. Intanto la vita amministrativa langue, bisogna lavorare urgentemente e seriamente ai conti del Comune, c’è da dare risposte ai precari che, da giorni, provano a relazionarsi con qualcuno e che non trovano in Comune né il sindaco e nemmeno gli assessori.

Una situazione che il 2 maggio sembrava immutabile, Maurizio De Luca aveva infatti ribadito che non avrebbe mai ritirato le sue dimissioni, e che adesso appare invece fluida. Secondo alcuni, infatti, potrebbe anche esserci il dietrofront del sindaco, ma soltanto a certe condizioni.