Partinico: Comune, al via digitalizzazione

Si concretizza il progetto di informatizzazione del protocollo generale del Comune. Dopo l’istruttoria e la fase burocratica, l’amministrazione comunale ha stanziato le somme per l’avvio dei lavori che porteranno l’ente all’avanguardia sul piano proprio della comunicazione tra gli uffici. Un documento depositato al protocollo sarà inviato praticamente in tempo reale all’ufficio di competenza, azzerando i tempi “tecnici” dello smistamento dalla sede centrale alle strutture periferiche del Comune stesso. Quindi si profila un enorme snellimento delle procedure e l’accorciarsi dei tempi di definizione di qualsiasi pratica presentata dai cittadini. In questi giorni il Comune ha provveduto a impegnare le somme quale quota di cofinanziamento del progetto, appena mille e 700 euro. La restante parte, cioè il 90 per cento dei costi, è a carico della Regione Sicilia per un ammontare di circa 15 mila e 600 mila euro. Grazie a questi fondi verrà acquistato uno scanner particolare che trasformerà in tempo reale i documenti in entrata in file digitali da smistare direttamente presso i settori di riferimento e registrare in un archivio centrale telematico. “Il protocollo generale informatizzato permetterà di snellire considerevolmente i tempi burocratici e di risparmiare sui costi per la carta – come già aveva avuto modo di affermare il sindaco Salvo Lo Biundo -. Non sarà più necessario attendere giorni o settimane per far arrivare i documenti cartacei dal protocollo generale ai settori amministrativi di riferimento. Con questo sistema tutto verrà effettuato in tempo reale. Si tratta di un altro passo in più sul fronte dell’abbattimento dei tempi della burocrazia a favore di cittadini e imprese”. Sul tema proprio dell’informatizzazione l’attuale governo cittadino sostiene di avere lavorato molto intensamente: sono stati portati in tal senso a termine 4 progetti come l’informatizzazione del settore Urbanistica, la creazione dello sportello Unico per le Imprese, il finanziamento con 200 mila euro di fondi europei del Servizio Informatico Territoriale e, in ultimo, l’informatizzazione del Protocollo Generale. “L’amministrazione comunale – ha sottolineato il responsabile del procedimento relativamente al procedimento, l’ingegnere Nunzio Lo Grande – ha avviato un processo di innovazione e informatizzazione che però si è fermato allo stretto indispensabile per mancanza dei fondi necessari. Questo progetto garantirà maggior qualità ed efficienza nei servizi offerti alla cittadinanza”.