Partinico: ballottaggio, Bonnì a carte scoperte

0
269

Gianfranco Bonnì gioca a carte scoperte: il candidato sindaco che sfiderà al ballottaggio lo sfidante Salvo Lo Biundo ha ufficializzato il completamento della sua squadra di assessori, escludendo ogni possibile apparentamento. In conferenza stampa Bonnì ha nominato gli altri 3 assessori che lo affiancheranno in caso di vittoria al ballottaggio del 23 e 24 giugno prossimi: gli architetti Arturo Morzetta e Santino Aiello, quest’ultimo tra l’altro eletto in consiglio comunale, e Francesco Alotta, presidente dell’Italia dei Valori. In più Bonnì ha anche preannunciato che nominerà tre consulenti a costo zero: l’ex sindaco Gigia Cannizzo, l’agronomo Giuseppe Provenzano e il funzionario della Regione, nonché ex assessore al Comune di Partinico, Giuseppe Nobile.

Come già preannunciato l’uscente sindaco Lo Biundo attenderà sino all’ultimo istante prima di completare la sua squadra di assessori. Per lui comunque le opzioni di apparentamento non sono comunque moltissime. Il Partito democratico infatti ha già precisato che darà indicazioni di voto in favore di Bonnì, così come l’Udc: “Ribadiamo – dice il commissario cittadino dello scudocrociato, Antonio Scianna – la necessità di una marcata discontinuità politica ed amministrativa rispetto al passato  ed è per questo motivo che invitiamo  i nostri elettori a votare il candidato meno lontano idealmente dai nostri valori che sono la trasparenza amministrativa, la legalità, la solidarietà e la tutela dell’ambiente  da coniugarsi con il diritto d’impresa presupposto indefettibile per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”. Chiaro il messaggio quindi dell’Udc, considerata l’agguerrita campagna elettorale fatta contro lo Biundo nel segno della discontinuità amministrativa. Considerato poi che Lo Biundo ha già escluso un accordo con il Pdl, e che il Movimento 5 Stelle ha sostenuto che lascerà libero il suo elettorato, rimane l’unica ipotesi in piedi e cioè quella di un possibile patto con Diego campione, uscito al primo turno con il 9,6 per cento di consensi sostenuto da tre liste civiche

Nella foto Bonnì con Gigia Cannizzo