Partanna, sospesa le fiera del bestiame

0
422

Sospesa per i mesi di marzo ed aprile la mostra mercato del bestiame di Partanna, che era stata al centro di un chiacchierato servizio della troupe di Striscia la Notizia, che mostrò in onda, nel corso del tg satirico, persino un maialino posto all’interno di un carrello della spesa.

Poi l’intervento di Enrico Rizzi, coordinatore nazionale del Partito Animalista Europeo, che fino ad ieri era tornato alla carica, con una richiesta formale, si leggeva nel comunicato del PAE, di sospensione a causa di una presunta “lunghissima serie di irregolarità”.

Per il PAE potrebbero essere stati disattesi elementari principi sul benessere e la prevenzione dei maltrattamenti degli animali. E dubbi sono stati avanzati anche sull’igiene.

Rizzi aveva inoltre chiesto al Prefetto di Trapani, al Ministero della Salute e all’Assessorato della Salute della Regione Sicilia, di attivarsi con urgenza. Tutti provvedimenti, quelli chiesti dal PAE, per evitare qualsiasi forma di vendita, esposizione e detenzione di animali vivi nei luoghi e nei tempi tradizionalmente e per consuetudine occupati dalla fiera del bestiame di Partanna.

In altri termini, per il PAE, la fiera avrebbe dovuto essere sospesa.

Ed in effetti, è arrivata l’ordinanza, datata 26 febbraio, con cui il Sindaco di Partanna Giovanni Cuttone, ha deciso di sospendere la mostra mercato per i mesi di marzo ed aprile. Cuttone, nel provvedimento attesta che “si rendono necessari dei lavori di adeguamento a norma di legge nella zona box e manutenzione generale nella zona commerciale”. Poi, riferisce sempre il Sindaco: “le attuali condizioni della struttura mettono a repentaglio sia lo stato di benessere degli animali, che l’incolumitàdegli operatori e degli avventori”. Motivo per cui la fiera è sospesa per i prossimi due mesi “al fine di poter assicurare un adeguato stato di benessere degli animali e una condizione di sicurezza generale per gli operatore e i visitatori della domenica”.

La sospensione è stata decisa di concerto con il Dott. Luigi Mauceri, Dirigente del Dipartimento prevenzione veterinaria dell’ASP di Trapani, sede di Castelvetrano.

In molti si chiedono se l’ordinanza sia legata alle polemiche al vetriolo di Enrico Rizzi, il quale, intanto, ha avuto notizia dell’ennesima denuncia nei suoi confronti. “Vedremo cosa c’è dietro – ha dichiarato il coordinatore del PAE – ma se questo è il prezzo da pagare non me ne faccio di certo un cruccio”.