Partanna-Bancarotta, arrestati due imprenditori olivicoli

0
424

Il territorio è quello della Valle del Belice dove si produce uno degli oli più buoni d’Italia, L’indagine della Guardia di finanza di Castelvetrano che ha portato agli arresti domiciliari due imprenditori agricoli di Partanna riguarda la produzione di olio. E con l’accusa di bancarotta fraudolenta, le Fiamme gialle  hanno arrestato due produttori di olio di oliva. La misura agli arresti domiciliari è stata eseguita su delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sciacca. I due produttori sono accusati di “plurime condotte di bancarotta fraudolenta, per debiti insoluti per oltre 3 milioni di euro”. “Al fine di continuare a beneficiare di finanziamenti bancari – scrivono i finanzieri – ed operare senza debiti commerciali, i titolari hanno infatti distratto le poste attive della società dichiarata fallita a beneficio di altre due aziende – spiegano le Fiamme gialle – una società agricola già esistente e ad essi intestata ed una nuova società costituita ad hoc, intestata ad una prestanome. Per operare negli stessi spazi aziendali dell’impresa fallita gli indagati hanno simulato contratti di comodato d’uso del capannone con la neo costituita società, a cui hanno anche ceduto a prezzi stracciati macchinari e attrezzatura, la cui fattura di vendita non è stata nemmeno saldata”. In quest’ultima società hanno poi assunto gran parte dei dipendenti della fallita, alcuni dei quali, sentiti in atti, hanno dichiarato addirittura di disconoscere di essere passati alle dipendenze della new company, che di fatto veniva gestita direttamente dai due titolari arrestati i quali, come accertato attraverso mirate intercettazioni telefoniche, si rapportavano quotidianamente con i clienti italiani ed esteri, con cui stabilivano prezzi, modalità di spedizione e di fatturazione. E’ stata altresì accertata “la sottrazione di rimanenze  derivante dalla di olio “Nocellara del Belice D.O.P.”

Fine modulo