‘Palazzo di vetro’, torna la climatizzazione. Necessarie altre sostituzioni

Habemus climatizzazionem. Dopo diverse fumate nere e dopo anni di caldo torrido all’interno degli uffici comunali, il palazzo di vetro di contrada Tre santi, sede anche della polizia municipale di Alcamo, può nuovamente contare sull’aria condizionata.

Non tutte le stanze hanno ancora il giusto refrigerio in questo periodo estivo particolarmente caldo, perché dovranno essere sostituti alcuni ventil-convettori totalmente fuori uso. La ditta Paolo Amato, che ha sottoscritto l’accordo-quadro con il comune di Alcamo per tre anni di manutenzione degli impianti negli uffici e nelle scuole, è quindi riuscita nell’intento grazie anche al suo direttore dei lavori, l’ingegnere Francesco Candela. L’impianto di climatizzazione è stato così riavviato e testato per tutta la giornata di lunedì.

L’impianto era andato in tilt nei primi mesi del 2018 creando non pochi disagi ai dipendenti: forte freddo in inverno e caldo soffocante in estate. Nel settembre del 2019 venne poi effettuato un intervento di riparazione e manutenzione che costò ben 22.000 euro alle casse del comune di Alcamo. I risultati, però, furono praticamente nulli. Adesso l’intervento della ditta nell’ambito dell’accordo quadro triennale da 600.000 euro. Una cifra complessiva per la manutenzione degli impianti che, per tre anni, appare poco sufficiente.

Le temperature superiore ai 40 gradi dinanzi alle vetrate del palazzo di contrada Tre santi, hanno anche causato malori fra utenti e dipendenti comunali. Pure tante polemiche e disservizi per le necessarie decisioni assunte dai dirigenti: chiusura del quarto piano, orario ridotto per l’ufficio finanze, sudore a fiumi per l’utenza.

Anche in altri uffici comunali e scuole lo stato degli impianti non è dei migliori. La ditta paolo Amato e il direttore Candela avranno il loro bel da fare per rimettere le cose a posto.