Pace e reciproco rispetto fra circo e animalisti. Buon esempio da Palermo

Il buon senso ogni tanto prevale anche fra due mondi che quasi sempre, spesso senza fondati motivi, sono stati in forte acredine: circo e animalisti. L’esempio arriva da Palermo grazie alla mediazione di don Ugo Di Marzo, padre spirituale dei circensi da tre anni. Il consigliere comunale Ferrandelli, autore recentemente di un blitz poco edificante al “Sandra Orfei”, appura che gli animali in questo complesso stanno benissimo pur mantenendo i suoi desideri di spettacoli circensi senza animali. Anzi, assieme alle associazioni, darà una mano per raccogliere fondi necessari per superare il blocco causato dall’emergenza sanitaria. Un incontro, stamattina, all’insegna del quieto vivere e della civiltà.