Nuovo provvedimento a carico di Michele Mazzara

    0
    362

    Eseguito stamattina dagli agenti della Divisione Polizia Anticrimine e dalla Guardia di Finanza di Trapani, il decreto con il quale è stata disposta l’amministrazione giudiziaria nei confronti della società semplice Agricola, con sede a Castellammare del Golfo, provvedimento emesso dal Tribunale di Trapani su proposta del Questore, nell’ambito del procedimento di prevenzione attivato – ai sensi del Decreto Legislativo n. 159/2011 (“Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione”) – a carico dell’imprenditore Michele Mazzara, 52 anni, nato a Paceco, condannato per favoreggiamento nei confronti, tra gli altri, del famigerato Matteo Messina Denaro.

     

    Il provvedimento eseguito oggi, scaturisce dalle ulteriori indagini svolte dal gruppo di Lavoro, costituito da personale della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza – successivamente all’esecuzione, il 19 gennaio scorso, del decreto emesso a carico di Michele Mazzara, con il quale erano stati sottoposti a sequestro anticipato, ai fini della confisca, svariati beni immobili, autovetture, conti correnti e società operanti nel settore edile e turistico-alberghiero, per un valore stimato di circa 25 milioni di euro.

     

    Le indagini svolte sul conto del Michele Mazzara e del suo entourage, hanno consentito di acquisire elementi per ritenere la società Agricola Poma agevolatrice dell’attività imprenditoriale e degli interessi del l’imprenditore.

     

    Nell’ambito delle stesse indagini, il 26 giugno scorso era stato eseguito un altro decreto, di sequestro di tutte le quote sociali, compresa quella di Antonella Agosta, 31 anni, già consigliere comunale di Buseto Palizzolo, dell’intero complesso aziendale, oltre a conti correnti e rapporti bancari della società ANTOPIA di AGOSTA Antonella & C. S.A.S., nei riguardi della quale era stata disposta la sospensione degli organi amministrativi, (ai sensi dell’art. 34 del D. L.vo 159/11), ed il sequestro delle sole quote sociali intestate a Giuseppa Barone, moglie di Michele Mazzara.