Mini tour siciliano per “Ti si legge in faccia”, tappa anche ad Alcamo

FOTO_3«Tre mesi di lavoro, trentamila euro. Le chiediamo, solamente, di farsi tatuare il logo della nostra compagnia di assicurazione sulla sua fronte. Tutto qui». Questa la bizzarra offerta di lavoro proposta a Francesco, il protagonista del film “Ti si legge in faccia”: ruolo affidato a Mauro Lamantia, giovane attore siciliano che ha già ottenuto diversi premi e riconoscimenti nazionali in campo teatrale. Una commedia divertente e surreale ambientata quasi interamente nel trapanese, nata da un’idea del monzese Andrea Castoldi, al suo debutto come regista, dopo aver frequentato la scuola di regia del maestro Marco Bellocchio, seguendo importanti laboratori con Marco Muller (direttore artistico Festival del Cinema di Venezia), Vincenzo Cerami (sceneggiatore premio Oscar con “La vita è bella” di Roberto Benigni), Daniela Caselli (“L’ora di religione”
FOTO_4di Marco Bellocchio), Franco Battiato (composer). Nella storia il ragazzo riceve la proposta di “lavoro” da uno losco personaggio milanese, interpretato da Cristian Galeone, volto noto come attore di spot televisivi. Il ruolo di Eugenio, l’amico del protagonista, è stato interpretato da Salvo Spoto di Catania, al suo esordio cinematografico, mentre la protagonista femminile è Noemi Gambicchia, selezionata durante i casting che si sono svolti a Custonaci, come le altre interpreti siciliane scelte per questo progetto cinematografico: Anna Graziano di San Vito, Adriana Parrinello di Marsala e Alba Parrino di Alcamo. «È un prodotto del cinema FOTO_5indipendente” dice Stefania Falanga, produttore esecutivo di CF-film, “anche nella sua distribuzione: dopo il sold-out registrato al debutto siciliano a Trapani, siamo pronti a portare il film in tour in diverse città siciliane, come si trattasse di uno spettacolo. Il film – prosegue – ha grande riscontro tra il pubblico: la poetica e la storia narrata, trascinano lo spettatore in una dimensione temporale magica. Inoltre, vanta di location di estrema bellezza, siciliane naturalmente». Molte scene del film, infatti, sono state girate a Custonaci, tra il mare cristallino del porticciolo di Cornino ed il centro cittadino. Altra location di grande effetto è il villaggio El Bahira di San Vito Lo Capo, collocato tra un’oasi naturale e una parete rocciosa di free-climbing, mentre altre scene sono state girate nei giardini comunali di Buseto Palizzolo. La storia, originale e più che mai attuale, racconta con amara ironia la condizione dei giovani di oggi che, pur di superare la crisi e dare una possibilità al proprio futuro, sono disposti persino a vendere uno spazio della propria pelle, come fosse un cartellone pubblicitario. Reduce dal successo riscosso in Lombardia, dove il film è uscito in prima nazionale, e in tante altre città della penisola, il tour siciliano del film comincia da Trapani il 25 febbraio al cinema Arlecchino, seconda tappa ad Alcamo il 1° marzo (ore 19:30) presso la sala Giovanni Paolo II, per poi proseguire a Marsala il 4 marzo (ore 21:00) al cinema Golden e concludersi ad Enna il 27 marzo (ore 20:00) al cinema multisala Grivi. Nelle sale cinematografiche gli spettatori potranno anche incontrare alcuni degli attori del film.