Marsala, Sicilfert nei guai: disposto sequestro impianto

0
673

Di nuovo nell’occhio del ciclone la Sicilfert di Marsala, la piattaforma che tratta i rifiuti organici di numerosi comuni della provincia trapanese, tra cui anche Alcamo e Castellammare del Golfo, oltre che vari comuni del palermitano. I carabinieri della Compagnia di Marsala e del Noe di Palermo, con la collaborazione dei militari della Sezione di Polizia Giudiziaria presso la locale Procura della Repubblica, hanno proceduto all’esecuzione del decreto di sequestro preventivo dell’impianto di compostaggio della ditta, che si trova in contrada Maimone del Comune di Marsala. Il provvedimento è stato emesso dal Giudice per le indagini preliminari di Marsala su richiesta della Procura della Repubblica per i reati di Inquinamento Ambientale ed Attività di gestione rifiuti non autorizzata. A seguito dell’esecuzione del sequestro preventivo, la gestione della Sicilfert è stata affidata ad un amministratore giudiziario il quale avrà il compito di sanare, dove possibile, le irregolarità riscontrate per consentirne, considerata la rilevanza pubblica dell’attività esercitata, il corretto funzionamento.