Marsala: ospedale, ancora ritardi al pronto soccorso

0
407

Tempi d’attesa infiniti al pronto soccorso dell’ospedale “Paolo Borsellino” di Marsala. Lo hanno appurato anche gli attivisti del movimento 5 Stelle che hanno effettuato una sorta di blitz, in “borghese”, per verificare di persona la situazione. I grillini hanno dialogato con i cittadini che erano presenti e hanno distribuito un questionario a tutti gli utenti che volevano discutere dei servizi-disservizi resi dalla struttura ospedaliera. “L’iniziativa è stata accolta positivamente dalla cittadinanza – dice Peppe Gandolfo, componente del Movimento – e sono emersi dati eclatanti: tempi d’attesa per le visite specialistiche superiori a quelli previsti dalle leggi in materia e in particolare dal piano regionale per il governo dei tempi di attesa, elaborato con il decreto dell’ex assessore regionale alla sanità Massimo Russo il 30 giugno del 2011”. L’attività degli attivisti è durata per diverse ore sino a quando il direttore sanitario li ha invitati ad andare via in quanto l’ospedale non è un luogo pubblico, e, secondo quanto riferito dagli stessi, minacciando anche di chiamare i carabinieri. L’iniziativa era stata preannunciata con una lettera raccomandata inoltrata dal Movimento 5 Stelle il 31 gennaio scorso, ma non era stata, infatti, autorizzata. “Evidentemente – conclude Gandolfo – ha dato fastidio, e ascoltare le persone per poi sollecitare la soluzione dei problemi non è praticabile nel nostro paese”. Già un anno fa il sindaco della città, Giulia Adamo, fece un’analoga iniziativa a seguito delle molteplici e ripetute lamentele dei cittadini riguardo ai lunghi tempi d’attesa e ai disservizi del pronto soccorso. Fu indirizzata una nota all’assessore regionale alla Sanità e all’Asp in cui si sottolineava la grave situazione sanitaria e richiedono interventi immediati indirizzati a migliorare la funzionalità, l’assistenza e la qualità dei servizi nei confronti dei pazienti e di chi li assiste. Recentemente la quarta commissione consiliare ha convocato i sindacati presso la sede di Palazzo VII Aprile per discutere proprio delle problematiche riguardanti la struttura ospedaliera. Anche in questo caso fu denunciata una situazione difficile con i pazienti costretti ad attendere per ore in barella in stanze inadeguate, creando sovraffollamento e disagio. Le liste di attesa per gli interventi chirurgici spesso si bloccano perché le sale operatorie funzionano a singhiozzo, un po’ per manutenzione, un po’ per carenza di anestesisti. Quasi tutte le specialistiche hanno tempi d’attesa lunghissimi, soprattutto le specialistiche senologica e di diabetologia: per fare un mammografia, i tempi di attesa sono circa di 8 mesi. L’Aso trapanese rispose prontamente annunciando che a breve sarebbero arrivati diversi medici ed infermieri a rimpolpare proprio al nosocomio marsalese la pianta organica. Assunzioni che dovrebbero entrare a regime entro questo mese, come già sottolineato dalla stessa Asp.

Available at Bloomingdale’s
woolrich arctic parka C houses for asset protection

3 outstanding mode week knowledge
chanel shoesFashion Faux Pas For Men and Women