Marsala. Omicidio Luigi Loria, rito abbreviato per tre dei quattro imputati

Omicidio Luigi Loria, il ventisettenne marsalese ucciso a coltellate la sera del 7 ottobre 2021 davanti la pizzeria “Carpe Diem” a Marsala. Per l’omicidio vennero imputate quattro persone, protagoniste di quella violenta rissa: si tratta dei romeni Ion Nadoleanu e Constantin Tapu, imputati per omicidio in concorso, rissa e porto illegale di armi e dei marsalesi Giuseppe e Catia Loria, questi ultimi, fratello e sorella della vittima, sono al contempo parte offesa e accusati di rissa. Durante l’udienza preliminare, tre di loro (Nadoleanu, Tapu e Giuseppe Loria) hanno chiesto e ottenuto il processo con rito abbreviato, mentre la giovane, Catia Loria, ha scelto il processo ordinario. Imputato anche un 16enne appartenente al nucleo familiare romeno, già rinviato a giudizio davanti il Tribunale per i minorenni di Palermo. Ad immortalare i fatti di quella tragica sera sono state alcune telecamere di impianti di videosorveglianza attraverso le quali fu evidente constatare che la lite era inizialmente scoppiata tra Constatin Tapu e alcuni appartenenti alla famiglia Loria, tra i quali il giovane ucciso, a causa dei pregressi episodi avvenuti sotto casa dei romeni i quali, secondo le dichiarazioni di Tapu, sarebbero stati vittime dei continui schiamazzi, soverchierie e minacce di morte messe in atto dai giovani della famiglia dei Loria. Discussioni animate che avrebbero toccato l’apice proprio la sera del 7 ottobre quando lo stesso Tapu aveva incontrato la vittima in Via Curatolo, nei pressi della pizzeria Carpe Diem e lì, con l’aiuto del nipote ventenne, Ion Nadoleanu, avrebbe sferrato due coltellate, uno al collo e l’altra allo sterno a Luigi Loria, deceduto la stessa notte dell’omicidio all’Ospedale “Paolo Borsellino” di Marsala dove era stato portato dai soccorritori. Secondo le indagini, le ragioni del violento scontro potrebbero essere legate anche a liti tra gruppi rivali per il controllo del traffico di stupefacenti nel centro storico marsalese.