Maltempo. Vento, alberi crollati e tendone del circo danneggiato. Fiumi ingrossati

Poppea è dunque arrivato. Già da ieri sera su tutta l’Italia si è abbattuto un ciclone che ha portato  un forte peggioramento delle condizioni meteo anche al Sud. In particolare in Sicilia è il vento ad essere presente con raffiche molto forti. Voli che sono stati dirottati da Palermo all’aeroporto di Catania, alberi sradicati sia nel palermitano che nel trapanese, lampioni e pensiline a rischio crollo. A Castellammare del Golfo il sindaco Nicola Rizzo ha disposto la chiusura di tutte le ville comunali. Resta ovviamente interdetto al transito il ponte provvisorio sul fiume San Bartolomeo.

Per tutta la notte i vigili del fuoco hanno operato nel vasto territorio del comune di Monreale. Numerose chiamate per interventi anche in altri comuni della due province della Sicilia occidentale. Le raffiche hanno seriamente danneggiato pure il tendone del circo Orfei, al Forum di Palermo. Un antenna che sorreggeva il foyer sé stata piegata dal vento. Lo spettacolo avrebbe dovuto debuttare venerdì prossimo. Per tutta la giornata di oggi è prevista l’allerta meteo gialla per i forti venti di burrasca e per la pioggia. Le Egadi sono isolate, raffiche di vento fino a 100 km/h e onde alte quattro metri nei pressi di Marettimo. Il traffico aereo sull’aeroporto di Trapani Birgi questa mattina rimasto regolare. Dopo il passaggio del ciclone, la pressione tornerà ad aumentare riportando il sole su in Sicilia, ma si avrà un generale abbassamento delle temperature. Da venerdì 25, poi, un altro ciclone sarebbe pronto a impattare sull’Italia minacciando con il maltempo l’ultimo weekend di novembre.