Le ammoniti di Monte Inici al castello di Castellammare

    Sarà inaugurata sabato 14 aprile la mostra permanente “Le ammoniti di Monte Inici”. L’inaugurazione è prevista alle 11, al Castello arabo-normanno. Interverranno: il sindaco Marzio Bresciani, il donatore della collezione, Angelo Grassa, Pietro Di Stefano, vicedirettore del dipartimento di Scienze della Terra e del Mare, il geologo Giacomo Galante e Carolina D’Arpa, conservatore del museo Geologico Gemellaro. Una sala del museo che si trova nel castello di Castellammare del Golfo, infatti, è stata dedicata alla ricca e preziosa collezione di ammoniti, donata al Comune dal dottor Angelo Grassa. Il progetto per l’allestimento di una sala geopaleontologica è stato presentato dall’amministrazione comunale, tramite lo sportello Europa, e finanziato dall’assessorato regionale Beni Culturali ed Ambientali, per un importo di circa 14.500 euro, in considerazione del valore scientifico e culturale delle ammoniti. Il progetto prevede proprio l’allestimento di una mostra permanente di reperti e la valorizzazione della collezione di ammoniti proveniente da monte Inici, tramite pannelli esplicativi e plastici. Dalle numerose cave che si trovano su Monte Inici viene estratto il “rosso ammonitico”, particolarmente pregiato per il colore rosso che lo contraddistingue, che contiene al suo interno numerose forme date dalle conchiglie fossili che rappresentano i resti di organismi vissuti circa 160 milioni di anni fa. Durante i secolari lavori di sfruttamento delle cave, sono stati estratti dalla roccia numerosi esemplari di questi organismi e molti di questi costituiscono la collezione donata al Comune da Angelo Grassa. Altre collezioni provenienti da Monte Inici sono custodite nel museo geologico dell’Università degli studi di Palermo.