La strage sulle strade. Drogati, ubriachi e selfie, siamo tutti in pericolo

0
1177

Drogati, ubriachi, selfie. Sono tre pericolosissime categorie di individui al volante che negli ultimi giorni hanno fatto stragi sulle strade siciliane: falciando bambini o giovani mamme come è ancora accaduto nel Ragusano. Una strage continua e siamo tutti in pericolo. Anche coloro i quali rispettano il codice della strada. Guidano con prudenza ma da un momento all’altro potrebbero vedersi arrivare addosso una vettura, come un missile, sulla loro auto disintegrandola. Gli assassini quasi sempre escono incolumi perché investono pedoni innocenti.. Secondo una indagine c’è la droga tra le cause scatenanti negli ultimi incidenti che hanno insanguinato le strade della Sicilia. “Questa sostanza – dice l’esperto – spinge a premere il piede sull’acceleratore ed a sottovalutare i rischi” L’ultima vittima è una giovane mamma di Scicli, travolta da una Y10, guidata da un cocainomane. In continuo aumento anche gli incidenti spesso mortali, per l’uso di telefonini in auto e magari mentre si guida incoscientemente si fanno dei selfie. Viene da chiedersi: ma che esempio da un genitore ai giovani figli mentre alla guida usa smartphone e altro per parlare con amici, i quali dovrebbero spegnere tutto subito sapendolo alla guida. Altre drammatiche conseguenze causate dagli ubriachi alla guida. Sempre più giovani bevono in maniera sconsiderata. La frequentazione di un locale o un’apericena è spesso il pretesto per ingurgitare cascate di alcol e poi mettersi alla guida. Di fronte a questo sfacelo sociale le forze dell’ordine si impegnano quotidianamente, ma un fenomeno così vasto per essere fronteggiato occorre lavorare sulla cultura, sulla prevenzione e introdurre nelle scuole l’educazione civica. E poi in caso di accertate responsabilità per il reato di omicidio stradale, i giudici dovrebbero tenere in galera gli assassini. Invece tra arresti domiciliari e altro dopo pochi giorni lasciano le patrie galere tra lo sgomento dei familiari che hanno perso un loro congiunto e per ottenere giustizia debbono attendere numerosi anni. Situazione dunque preoccupante perché con questo andazzo quando siamo in auto o camminiamo a piedi siamo in costante pericolo. Un ultimo consiglio: quando state per attraversare la strada anche sulle strisce pedonali guardate bene in faccia chi guida e se sta usando il telefonino state fermi. Ieri in piazza Bagolino abbiamo osservato dieci auto in transito, ben sei guidavano e telefonavano. Ma ad Alcamo si fanno controlli? Un bollettino di guerra con un comune denominatore: droga, alcol e selfie le principali cause di incidenti mortali.