La Dia confisca beni a boss deceduto

La Direzione Investigativa Antimafia di Palermo ha confiscato un patrimonio del valore di oltre tre milioni di euro riconducibile al capomafia della borgata palermitana di “Partanna Mondello”, Antonino Porcelli, cl 1933, deceduto nel settembre 2012.

Già uomo di fiducia del noto capomafia Rosario Riccobono – scomparso con il metodo della lupara bianca nel novembre 1982 – Porcelli, ergastolano, è stato, negli anni, destinatario di numerosi provvedimenti restrittivi, tra cui quello del “Primo Maxi Processo”, perché ritenuto responsabile di associazione per delinquere di stampo mafioso ed omicidi, coinvolto anche in quello dell’On. Salvo Lima.

Tra i beni confiscati figurano terreni, magazzini, una villa ed altro.