Gucciardi: 600 mila euro per consorzio Universitario Trapani e ok in commissione bilancio per le cave di marmo

 

Finanziaria, emendamento Gucciardi: 600 mila euro per consorzio Universitario Trapani

“Per far crescere il consorzio Universitario di Trapani è necessario porre solide basi per una adeguata programmazione: in questo senso deve essere letto l’emendamento alla finanziaria, approvato in commissione Bilancio, che destina ulteriori 600 mila euro al consorzio”. Lo dice Baldo Gucciardi, presidente del gruppo PD all’Ars, primo firmatario dell’emendamento approvato in commissione Bilancio all’Ars dove questa mattina intorno le ore 13, dopo una lunga maratona notturna, è stato approvato il testo della finanziaria che da lunedì inizierà l’esame dell’Aula. L’emendamento in questione è stato firmato anche dai parlamentari del PD Antonella Milazzo e Paolo Ruggirello.

“Si tratta di una ‘norma di garanzia’ per il consorzio Universitario di Trapani – aggiunge Gucciardi – che prevede una somma che, aggiungendosi a quanto verrà stanziato dal Libero consorzio di Comuni, servirà a irrobustire una realtà che già oggi è un punto di riferimento importante per migliaia di studenti”.

Sicilia: cave di marmo, ok commissione Bilancio a emendamento Gucciardi

“Con l’approvazione del mio emendamento, che ha ricevuto il via libera dalla commissione Bilancio, potremo dare una risposta seria agli operatori del marmo, accogliendo le loro proposte e sostenendo  concretamente un comparto produttivo che da solo rappresenta per la Sicilia una delle voci più pesanti nel pil e nell’esportazione”. Lo dice Baldo Gucciardi, presidente del gruppo parlamentare del Partito Democratico all’Ars, a proposito dell’approvazione in commissione Bilancio, nell’ambito della finanziaria, dell’emendamento che lo vede primo firmatario e che recepisce le principali istanze del comparto marmifero siciliano, secondo per importanza in Italia e tra i più importanti d’Europa.  “Si tratta di una norma di grande rilevanza per il comparto produttivo – prosegue Gucciardi – mi aspetto che possa trovare la condivisione anche nel corso dell’esame del testo in aula, nei prossimi giorni”.

Quanto al contenuto dell’emendamento, Gucciardi spiega che “gli operatori delle cave pagheranno i canoni con procedure snelle e certe, ed il ricavato sarà destinato ad azioni di bonifica ambientale dei siti estrattivi. Inoltre – prosegue l’esponente del PD – questa è solo una ‘prima tappa’ delle misure a favore del comparto marmifero:  tra poche settimane sarà esitato il ‘Piano delle cave’ che, dopo diversi decenni di attesa, potrà finalmente dare ulteriori certezze ad un settore che in Sicilia produce ricchezza e lavoro”.