Giornata della Memoria e dell’Impegno, le iniziative di Libera

Domani la XIX edizione della Giornata della Memoria e dell’Impegno promossa da Libera, come ogni anno nella prima giornata di primavera, per ricordare le oltre 900 vittime della criminalità organizzata e ribadire con forza la necessità di una ferma opposizione alla mafia e alle sue continue metamorfosi.

Tanti gli appuntamenti in programma organizzati dai vari presidi dell’associazione. A Marsala, a partire dalle 11, davanti al Palazzo VII Aprile, sede del Consiglio comunale, il presidio “Vito Pipitone” di Marsala chiamerà a raccolta studenti e cittadini che, come avvenuto lo scorso anno, leggeranno i nomi dei magistrati, dei rappresentanti delle forze dell’ordine, dei giornalisti, dei sindacalisti e di tutte le vittime delle mafie. Iniziative analoghe sono in programma, sempre in mattinata, in piazza Ciullo ad Alcamo, a cura del presidio “Apuzzo Falcetta”, al Liceo Classico di Castelvetrano, a cura del presidio “Salvatore e Giuseppe Asta” e a Salemi, presso la scuola media “Garibaldi”.

Nel pomeriggio, a partire dalle 17.15, è invece prevista l’iniziativa organizzata a Trapani dal presidio “Ciaccio Montalto”, davanti a Palazzo Cavarretta, in via Torre Arsa. In serata, le delegazioni dei diversi comuni del territorio si ritroveranno ad Alcamo, per cominciare un viaggio in pullman, che li porterà l’indomani mattina a Latina, per partecipare alla manifestazione nazionale di Libera. Un’edizione particolarmente importante, considerando che sarà preceduta da un incontro che si terrà presso la Chiesa di San Gregorio VII a Roma, tra Papa Francesco e i 700 familiari delle vittime di mafia. Un’udienza inedita per un Pontefice, che testimonia, come affermato da don Luigi Ciotti, l’attenzione di Jorge Bergoglio rispetto “al tema delle mafie, della corruzione, delle tante forme d’ingiustizia che negano la dignità umana”.

Dopo il ritorno da Latina, il coordinamento provinciale di Libera sarà infine impegnato in un’altra iniziativa, che si terrà domenica 23 marzo a Castellammare del Golfo. Il presidio “Piersanti Mattarella, la locale sottosezione del CAI, l’associazione Castello Libero e l’Antiracket, hanno pensato di dedicare alle vittime della mafia un percorso di trekking. Una passeggiata finalizzata al contatto con la bellezza della natura e a tracciare un ideale dialogo con la memoria del sacrificio di quanti sono caduti nella lotta alla criminalità mafiosa.

“Un modo concreto per ricordare le vittime di mafia- come sottolinea il sindaco Nicolò Coppola- con una manifestazione che coinvolge anche le scuole del paese”. Gli alunni illustreranno brevi profili di vittime di mafia, poesie, prodotti grafico-pittorici, canzoni, per sensibilizzare “contro l’arroganza delle mafie e della loro coercizione”.

La camminata vuole essere, anche “un valido momento per avvicinarci alle storie di chi, talvolta nel silenzio e nella solitudine, ha mostrato splendore morale nell’opporsi al sistema mafioso, tramite le testimonianze dirette dei familiari che interverranno a rinnovare la conoscenza di episodi che rischiano di essere dimenticati e che alimentano la bellezza del fresco profumo di libertà che fa rifiutare il puzzo del compromesso morale”.

Il programma prevede alle ore 9, il ritrovo dei partecipanti nella sede della sottosezione CAI, in viale Umberto I. Quindi l’inizio del percorso di trekking fino al boschetto della Vaccheria. Alle 11, la sosta nel bene confiscato alla mafia in contrada Bocca della Carrubba assegnato all’associazione Castello Libero (con l’Agesci, Libera e l’associazione Antiracket di Castellammare). Alle 12,30 l’arrivo al boschetto della Vaccheria. Alle 13,30 pranzo a sacco. Nel pomeriggio gli interventi degli alunni delle scuole, le testimonianze di familiari di vittime della mafia, contributi artistici e musicali e riflessioni sulla lotta alle mafie. Dopo i liberi interventi dei partecipanti, il rientro è previsto alle ore 16.

Per info: www.caidelgolfo.it – pagina facebook: Cai Castellammare del Golfo.

gardening and other such casual things I understand their appeal
lous vuitton speedy If ‘Dark Knight Rises’ Was 10 Times Shorter and More Honest

the mushi that are used to bind these pupas together
valentino outletCan anyone identify this quilted jacket