Gibellina, raccolta differenziata al 41%: in arrivo sconti per i cittadini virtuosi

Cinquanta tonnellate al mese di organico prodotto, dodici tonnellate di carta e cartone, quattro di plastica e due di vetro: questi i numeri della raccolta differenziata, a Gibellina, nei mesi estivi, che ha toccato, il 41%. E tornano, con ritocchi a favore degli utenti, le detrazioni e le premialità per chi si impegna nel riuso. Il progetto #GibellinaSostenibile, nell’ultimo quadrimestre, si è concentrato sullo screening del ciclo dei rifiuti in tutte le sue fasi, dalla produzione al conferimento presso le piattaforme convenzionate o in discarica. E i risultati della produzione estiva dei rifiuti nella città belicina sono incoraggianti: complessivamente ogni mese sono stati prodotti quasi 150 mila chilogrammi di rifiuti, 35 chili per abitante, con un dato giornaliero di 1,20 kg pro-capite.

Il dato di produzione di rifiuti è in leggero aumento ma si registra la crescita della raccolta differenziata, che si attesta, appunto al 41%. L’aumento della differenziata è legato a tre fattori: da un lato il programma di manutenzione straordinaria del verde pubblico che ha prodotto un gran quantitativo di sfalci di potatura, dall’altro la riapertura dell’isola ecologica che ha stimolato i cittadini a riprendere il processo di differenziazione e, infine, l’abbattimento di 100 mila euro del costo del servizio che ha riportato entusiasmo in città.

Il sindaco Sutera è soddisfatto dei primi passi della sua amministrazione: «Il Comune ha deciso di spingere sull’acceleratore del compostaggio domestico con il progetto #100compostiere: vista la risposta convinta dei cittadini (sono state istallate 70 nuove compostiere domestiche portando a 80 il numero di produttori di compost in città), l’amministrazione comunale ha approvato il Regolamento della raccolta differenziata».

«Da oggi sarà consentito l’utilizzo di compostiere di prossimità per chi non ha giardino e vuole utilizzare aree pubbliche in concessione, sarà permesso l’uso della compostiera condominiale per i nuclei familiari ampi che risiedono nelle stesso stabile e sarà concessa la pratica del compostaggio anche alle utenze non domestiche. Il regolamento registra anche una importante apertura verso il progetto di pesatura puntuale dei rifiuti che verrà sperimentato presto in città» – precisa l’assessore Gioacchino De Simone.

L’assessore all’Ambiente ritiene fondamentale premiare i cittadini virtuosi: «Con il progetto #GibellinaSostenibile vengono introdotte importanti detrazioni e premialità: viene confermato l’abbattimento del 20% per i possessori di compostiera, viene previsto un abbattimento del 10% per i cittadini che dimostrino l’uso di pannolini e pannoloni lavabili, confermata la premialità per il corretto conferimento dei cosiddetti RAEE con un’agevolazione di € 10,00 per ogni grande elettrodomestico e di € 5,00 per ogni piccolo elettrodomestico, è riproposto un contributo massimo di 500 euro per lo smaltimento di rifiuti contenenti amianto, reintrodotto l’abbattimento del 50% della tariffa per gli utenti in condizioni svantaggiate, del 30% per le cosiddette “seconde case” e del 40% per le utenze fuori dal centro urbano. Confermate in blocco le premialità per il conferimento dei rifiuti differenziati presso l’isola ecologica fino al totale azzeramento della parte variabile della tariffa».

L’assessore all’Ambiente De Simone, per verificare il corretto funzionamento del ciclo dei rifiuti, ha visitato la piattaforma CONAI di Contrada Citrolo ad Alcamo dove viene conferita la carta, il cartone, la plastica e il vetro prodotti a Gibellina e il Centro di Compostaggio di Contrada Airone a Castelvetrano che produce compost dall’organico prodotto in città. La raccolta differenziata effettuata dai gibellinesi nel 2014 ha permesso al Comune di Gibellina di reperire quasi 10.000 euro di proventi derivanti dalla vendita delle frazioni nobili che verranno utilizzati per finanziare le premialità sulla Tari 2015.

Il sindaco Salvatore Sutera lancia le prossime iniziative: «Su suggerimento di alcuni cittadini l’amministrazione ha posto allo studio tre importanti iniziative che puntano alla riduzione del consumo di plastica e all’aumento della raccolta differenziata: si tratta dell’istallazione della “Casetta dell’acqua”, un dispositivo che consente di prelevare acqua fresca, naturale e frizzante al costo di pochi centesimi al litro, del progetto #bastaPlastica, una collaborazione con una multinazionale del vetro per la distribuzione gratuita ai cittadini di bottiglie in vetro, e, infine il “Progetto Garby”, l’istallazione di una macchina che eroga buoni sconto in cambio del conferimento di rifiuti differenziabili».