Fragale sostituisce il consiglio di Calatafimi, a breve altre funzioni. Ispettori in arrivo al Comune?

Francesco Fragale, 56 anni, segretario generale del comune di Monreale, stessa carica ricoperta in svariati altri comuni fin dal 2006, è il nuovo commissario straordinario del comune di Calatafimi/Sergesta. Il funzionario, dopo la nomina effettuata dal presidente della Regione Musumeci, si è insediato da alcuni giorni alla guida del comune calatafimese rimasto orfano di sindaco, giunta e consiglio comunale. Il sindaco Antonino Accardo si era infatti dimesso dopo il suo coinvolgimento nell’operazione antimafia Ruina. A seguire avevano abbandonato l’incarico anche gli assessori e l’intero consiglio comunale.

Il decreto di nomina di Fragale prevede, per il momento, il suo insediamento nelle sole funzioni del consiglio comunale. Molto probabile, anzi pressocché certo, che lo stesso funzionario ottenga a breve anche i compiti di sindaco e giunta. Il commissario straordinario dovrà reggere quindi le sorti del comune di
Calatafimi fino a nuove elezioni. Le norme regionali prevedono che in casi di commissariamento si torni alle urne alla
prima tornata elettorale utile. Dovrebbe essere quella in programma per la prossima primavera.

Ci sono però alcuni dubbi. Il primo è legato all’emergenza coronavirus. Il persistere della pandemia, infatti, potrebbe far
slittare l’insediamento dei seggi a giugno o, addirittura, anche ad autunno. Il secondo dubbio, certamente più inquietante, è invece da ascrivere all’inchiesta antimafia Ruina che ha sconvolto la cittadina calatafimese. Alla luce delle accuse al sindaco Accardo (secondo i pm avrebbe anche comprato voti), non è escluso l’arrivo al comune degli ispettori inviati da Viminale.

Il successivo esame di carte e situazioni, combinato con le indagini della Procura che nel frattempo vanno ancora avanti, potrebbe anche portare allo scioglimento dell’amministrazione comunale per infiltrazioni della criminalità e all’arrivo di una commissione
prefettizia che, in questo caso, rimarrebbe in carica almeno 18 mesi. Ecco che le amministrative di Calatafimi/Segesta slitterebbero a ottobre o novembre 2022.