Fase 2, in Sicilia qualche concessione in più (spostamento nelle seconde case) ma anche restrizioni (niente rientri)

Da lunedì prossimo entriamo nella tanto attesa fase 2 e la regione Siciliana lo farà con alcune differenze rispetto al resto della nazione, grazie all’ultima ordinanza emanata giovedì sera. Le novità sostanziali riguardano lo spostamento nelle seconde case, la pratica di sport non individuali come il tennis, la riapertura dei cimiteri. Il provvedimento di Musumeci, che “forza” alcune misure stabilite a livello nazionale, rimarrà in vigore da lunedì e fino a domenica 17 maggio. Sul fronte trasporti, la Sicilia resta blindata. Rimangono, dunque, congelate le limitazioni all’accesso nell’Isola. In quella stessa data, lunedì 17 maggio, Musumeci spera anche di ottenere dal governo l’ok alla riapertura per i parrucchieri.

Dal 4 maggio è stato invece consentito di spostarsi nelle seconde case, anche in altri comuni della Sicilia, ma a due condizioni: devono essere spostamenti per il trasferimento “stagionale”, ovvero per l’estate e non occasionali, e sono vietati nei giorni domenicali e festivi. Il governo regionale ha anche disposto la riapertura dei cimiteri: ci si potrà recare sulle tombe e di conseguenza anche acquistare i fiori. I sindaci hanno la facoltà di disporre l’apertura dei cimiteri “a condizione che possano essere assicurate adeguate misure organizzative per evitare assembramento di visitatori e per garantire la distanza interpersonale”.

Altra novità riguarda le società sportive: possono riprendere l’attività amatoriale. In particolare ciò è consentito per corsa, tennis, golf, ciclismo, vela ed equitazione. Dunque via libera anche ai circoli sportivi che però dovranno tenere chiusi spogliatoi e docce. Riparte anche l’acquisto di cibo da asporto da ristoranti, bar, pasticcerie, gelaterie e pub ma resta il divieto di consumare cibi e bevande nei locali e anche nelle vicinanze. Resta invece vietata l’apertura di negozi di alimentari e supermercati la domenica e nei festivi.

Per gli animali domestici, per i quali sono consentiti gli spostamenti per le loro esigenze fisiologiche, da lunedì sarà consentita anche l’attività di toelettatura degli animali, purché il servizio sia svolto con appuntamento e senza alcun contatto diretto tra le persone. In Sicilia un’altra deroga riguarda la festa della mamma: fiorai aperti per l’occasione, domenica 10 maggio.

Per quanto riguarda infine il trasporto pubblico urbano sarà consentito l’accesso ai passeggeri nella misura massima del 40% dei posti omologati e, comunque, garantendo il rispetto della distanza minima di un metro tra gli stessi. Lo spazio riservato al conducente del mezzo deve essere opportunamente delimitato.