Facile consumo di ‘cannabis-light’, il direttore sanitario del Ser.D. manifesta preoccupazione

La cannabis, anche con bassa percentuale del principio attivo, può creare, in soggetti particolarmente predisposti, disturbi psichiatrici e schizofrenia. Inoltre, in caso di analisi post incidenti stradali, la positività viene ugualmente rilevata. Davanti ai negozi e ai distributori self-service di cannabis light necessiterebbero maggiori controlli sull’età di chi acquista. Questo, in sintesi, il pensiero di Guido Faillace, psichiatra, direttore del SERT, il servizio per le dipebdenze patologiche.