Esclusione lista di Scala, domattina alle 8.45 si riunisce il TAR

Si riunirà domattina alle 8,45, in via d’urgenza, il Tar di Palermo per valutare il ricorso della lista “Centrali per la Sicilia – Sicilia Futura – Italia Viva”, esclusa dalle elezioni del consiglio comunale di Alcamo su decisione dalla prima sottocommissione elettorale circondariale. Il gruppo politico, che fa riferimento all’ex sindaco Giacomo Scala, ha presentato ieri mattina il ricorso predisposto dallo studio palermitano ‘PMMS Legal’ degli avvocati Mangano, Miceli e Stallone. Il ‘braccio di ferro’ tra i funzionari della commissione elettorale e i presentatori della lista Massimo Melodia e Giovanni Marchese è basato sul simbolo e sulla necessità, o meno, di raccogliere le firme per la presentazione.

Giacomo Scala e il suo entourage, sostengono che l’elezione a suo tempo all’ARS di un deputato, Giuseppe Picciolo, con il simbolo ‘Sicilia Futura – IV” consente di presentare la lista sic et simplciter. Dall’altro lato la CE.Cir la pensa diversamente in quanto nel contrassegno appaiono anche logo e scritta ‘CentrAli per la Sicilia’. Domattina, quindi, si esprimerà il tribunale amministrativo regionale che toglierà dal limbo 24 candidati, tra cui 8 donne, per il consiglio comunale di Alcamo. “Rimaniamo fiduciosi sull’esito del ricorso stesso – ha detto il coordinatore cittadino Massimo Melodia –  e riponiamo massima fiducia sul lavoro dei giudici amministrativi”. Un inghippo che sta rallentando l’iter burocratico di avvicinamento all’appuntamento elettorale.

Non è stato ancora effettuato, ad esempio, il sorteggio per la composizione di manifesti e schede elettorali. La lista ‘CentrAli –Sicilia Futura’ è una delle tre, assieme PD e UDC a sostegno del candidato sindaco Giusy Bosco. Tre sono pure quelle che appoggiano Domenico Surdi (Movimento 5 Stelle, ABC e Avanti con Surdi) mentre il candidato Alessandro Fundarò è sostenuto soltanto una lista, Fratelli d’Italia. Otto, infine, le liste a supporto di Massimo casarà (Alba, Movimento Via, Forza Italia, Con Alcamo nel Cuore, Movimento Nuove Autonomie, SiAmo Alcamo, Lega e Cantiere Popolare).