Eccellenza, si fermano sei squadre. Anche Castellammare e Sciacca

Sarà diramato domani il nuovo calendario dell’Eccellenza, anzi, per meglio dire, di ciò che rimane del massimo campionato dilettantistico regionale di calcio. Nel girone A, infatti, ci sono state ben 6 rinunce mentre tre si sono registrate nel girone B, quello della Sicilia orientale. Come già era nell’aria il Castellammare ha deciso di fermarsi qui. I tre patron della società (Mancuso, Mione e Norfo) hanno raggiunto ieri sera l’accordo.

L’undici del Golfo non farà parte della ripartenza del campionato e si preparerà fin da ora ad allestire la squadra per il prossimo campionato di Eccellenza. Hanno già comunicato la loro intenzione di non rischierarsi ai nastri di partenza anche Parmonval, Monreale, Casteltermini, Pro Favara e Sciacca. Torneranno in vece in campo dall’11 aprile Mazara, Marsala, Folgore, Akragas, Canicattì, Sancataldese, Nissa, Misilmeri, Marineo e Cus Palermo.

Alla luce dei ritiri cambia la classifica perché non si terrà conto dei risultati maturati nelle prime giornate dalle sei formazioni che si sono adesso fermate. In testa c’è la Sancataldese con 11 punti ma due gare in più. A quota 7 l’Akragas, poi Mazara e Canicattì 6, Marsala e Nissa 5, seguono Misilmeri, Marineo, Folgore con un punto e Cus Palermo ancora a zero. Mercoledì 7 aprile si giocheranno i primi recuperi.

La formula prevede il completamento del girone di andata e poi la composizione di quadrangolari che porteranno alla finalissima che assegnerà la promozione in serie D. stessa cosa capiterà anche nell’altri girone siciliano. A causa del lungo stop al campionato e al conseguente ritardo, quest’anno non si disputeranno gli spareggi nazionali fra seconde che assicurano altre promozioni in quarta serie. I posti non assegnati, fra questi anche quello solitamente appannaggio di chi vince la coppa Italia nazionale di categoria, saranno appannaggio di chi andrà ad occupare una graduatoria unica dei ripescaggi.