Due fratelli di Castellammare nei guai. Cani addestrati trovano droga sotto al loro letto

Un arresto e una denuncia a Castellammare del Golfo per due fratelli accusati, a vario titolo, di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e resistenza a pubblico ufficiale. Un giovane ventinove ne è il fratello di 36 avevano insospettito i militari per causa di un via vai di auto e di persone da  loro domicilio.

Eseguita una mirata perquisizione domiciliare con l’ausilio dei colleghi del Nucleo Cinofili di Palermo e dei cani “Lego” e “Nadia”, sono stati ritrovati, grazie al fiuto dei cani, oltre 160 grammi di marijuana divisa in tre involucri, presumibilmente utilizzata per la cessione a terze persone, la somma contante di 1800 euro e tre anelli in oro dei quali l’uomo non riusciva a dare la giustificazione del possesso.

Il più giovane dei due fratelli ha. Quindi opposto una veemente resistenza spintonando gli operanti che lo anno immobilizzato e per questo arrestato.