Docenti di sostegno, nuovo bando per la specializzazione

Il nuovo bando per ottenere la specializzazione di sostegno premia la Sicilia. Il ministero dell’Istruzione ha emanato l’attesissimo bando che consentirà a oltre 4mila docenti, di ruolo o precari, siciliani di acquisire la specializzazione richiesta per l’insegnamento agli alunni disabili. Un titolo che, in Sicilia, scarseggia. Al punto che quest’anno quasi 5mila docenti di sostegno lavorano nelle scuole siciliane senza titolo di specializzazione. Nell’Isola, sono stati messi in palio 4.675 posti suddivisi tra i vari ordini posti di scuola: infanzia, primaria, media e superiore. Quasi un terzo dei 19.585 disponibili a livello nazionale. Ma al Nord, dove la carenza di posti è ancora più pesante, i sindacati protestano. “È scandaloso – commenta Massimiliano Sambruna, della Cisl scuola lombarda – Gli alunni sono tutti uguali. Siamo contenti per quelli siciliani ma vorremmo che anche quelli lombardi possano avere docenti specializzati”. In Lombardia, dove lavorano quasi 18mila docenti di sostegno privi di titolo, sono stati assegnati 1.090 posti, meno di un quarto di quelli arrivati in Sicilia, che da sola gestirà più posti di quelli affidati a tutte le regioni settentrionali. Saranno le università ad organizzare i corsi.
Per l’accesso è previsto un test di ammissione che si svolgerà il 2 aprile per coloro che ambiscono ad insegnare alla primaria e nella scuola dell’infanzia, il giorno successivo (il 3 aprile) per chi vuole insegnare alla media e al superiore. Ma, superato il test, occorrerà mettere in conto un bel po’ di quattrini per seguire il corso e dare gli esami. Stando ai precedenti cicli di specializzazione, si prospetta un costo complessivo che in Sicilia si aggirerà attorno ai 4mila euro: 150 euro per sostenere il quiz, 3mila e 700 euro per il corso.