CSAR Trapani, soccorso su scogliera di Favignana. Intervento anche per incendio

Interventi quasi senza soluzione di continuità per gli elicotteri dell’82° CSAR dell’Aeronautica Militare di Birgi e per svariati obbiettivi. Il primo, nel pomeriggio di ieri, è decollato verso l’isola di Favignana, per recuperare e soccorrere un uomo rimasto bloccato e lievemente infortunato su una scogliera. Nelle operazioni di salvataggio anche un Vigile del Fuoco, nel tentativo di raggiungere e soccorrere l’uomo via terra, si è infortunato rendendo quindi necessario il recupero di entrambi recuperare entrambi. Il velivolo militare ha raggiunto Favignana dopo appena 5 minuti dall’allarme.

Una volta individuate le due persone da soccorrere, l’operatore di bordo ha calato l’aerosoccorritore con il verricello ed è stato effettuato il recupero a bordo in sicurezza dei due uomini, trasportati poi sul campo sportivo della stessa isola egusea. Un altro intervento, sempre da parte di un equipaggio dell’82° C.S.A.R. di Trapani, stato effettuato subito dopo ma stavolta per bloccare l’estensione di un pericoloso incendio sviluppatosi nella zona di Mezzojuso, nel palermitano. L’elicottero dell’Aeronautica Militare ha effettuato circa 4 ore di volo scaricando sulle fiamme oltre 16.000 litri d’acqua. L’attività è stata svolta in collaborazione con due canadair del Dipartimento della Protezione Civile e un elicottero della protezione civile.

L’HH-139B delo CSAR di Birgi fa parte degli assetti delle Forze Armate che il Ministero della Difesa ha messo a disposizione per la campagna antincendi boschivi di quest’anno in Sicilia, iniziata lo scorso 15 giugno, che consolida la collaborazione, già in atto da diversi anni, tra Forze Armate, Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e Protezione Civile.  Il reparto dell’Aeronautica ha acquisito la capacità antincendio Boschivo dal 2018 contribuendo alla prevenzione e la lotta agli incendi in Sicilia.

L’82° Centro è uno dei Reparti del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare che garantisce, 24 ore su 24, 365 giorni l’anno, senza soluzione di continuità, la ricerca ed il soccorso degli equipaggi di volo in difficoltà, concorrendo, inoltre, ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi,. Dalla sua costituzione ad oggi, gli equipaggi del 15° Stormo hanno salvato più di 7.500 persone in pericolo di vita.