Covid, ad Alcamo dieci casi al giorno. Colpiti anche i Vigili del Fuoco. Screening alle Egadi

Non si ferma la seconda ondata di covid. Il virus è entrato negli uffici comunali (nuovamente ad Alcamo), nelle scuole di ogni ordine e grado, nelle caserme dei carabinieri come al comando provinciale di Trapani. Ad Alcamo, anche nelle ultime 24 ore, si registra un incremento medio di 10 positivi in più al giorno. Il totale è già schizzato oltre quota 50. Le ultime positività dei tamponi hanno nuovamente riguardato alcuni piccoli alunni delle scuole materne e elementari, un paio di studenti delle superiori e famiglie. L’ultima novità riguarda l’arrivo del covid anche al distaccamento dei vigili del fuoco.

Fra tamponi biomolecalri e tamponi rapidi in provincia di Trapani ne vengono analizzati, mediamente, fra 600 e 700 al giorno. Domani partirà anche uno screening a tappeto per la popolazione residente nell’arcipelago delle Egadi. Nove sanitari delle Usca, guidati dal dottore Mario Minore, dopo avere raggiunto l’intesa con la Capitaneria di Porto, verranno domattina accompagnati dalla pilotina militare sull’isola di Favignana. A tutti i residenti verranno effettuati i tamponi rapidi. Il personale si trasferirà poi
a Marettimo e quindi a Levanzo.

Nel giro di due o tre giorni tutti gli abitanti dell’arcipelago sapranno se sono positivi o meno al covid 19. La tappa delle Egadi rientra nell’ambito della campagna straordinaria di screening per l’esecuzione di tamponi rapid covid disposta dalla Regione Siciliana e affidata, nel trapanese, all’unità di emergenza urgenza territoriale, che ha sede proprio ad Alcamo e che è diretta dal medico calatafimese Mario Minore.