Covid-19, contagiato bimbo marsalese. Tamponi direttamente in auto

prelievi stamattina in viale Europa

Un bambino di soli 3 anni, ricoverato al “Di Crisitina” di Palermo, è risultato positivo al coronavirus. Si tratta di un piccolo marsalese arrivato al nosocomio palermitano mercoledì scorso. Per trovare la sua positività al Covid-19 sono stati necessari i prelievi di ben tre tamponi. Le condizioni del bimbo marsalese non son gravi ma biene tenuto sotto attenta osservazione per verificare l’evoluzione del quadro clinico. Quello arrivato da Marsala è il quarto giovanissimo paziente Covid-19 ricoverato a Palermo.

Intanto proseguono, ma con modalità diverse, i prelievi dei tamponi a chi, rientrato in Sicilia, si è autodenunciato e si è posto in isolamento domiciliare. Ieri erano stati allestiti 5 ambulatori nei distretti della provincia di Trapani e i locali, ad ogni prelievo, venivano sanificati. La circolare di questa mattina dell’assessorato regionale alla salute ha invece disposto che i prelievi sono da farsi in strada.

Le persone che hanno superato il quattordicesimo giorno e che sono state convocate dall’ASP, si sono dovute presentare a bordo della loro autovettura, facendo attenzione che non ci sia nessun altro a bordo e senza scendere dalla stessa. Dinanzi alle sedi dell’ASP, ad Alcamo in viale Europa, il personale incaricato, con l’ausilio della Croce Rossa, ha proceduto al riconoscimento e al prelievo del materiale organico necessario al campione. Qualora invece qualcuno degli auto-denunciati fosse in presenza di sintomi o impossibilitato a spostarsi da casa, la squadra di sanitari effettuerà il prelievo a domicilio.

I campioni raccolti ad Alcamo, Castelvetrano, Mazara del Vallo, Marsala e Trapani verranno poi analizzati dai biologi dell’ospedale “Borsellino” della cittadina lilybetana mentre quelli prelevati in provincia di Palermo saranno portati nei laboratori dell’ISMETT e del “Buccheri – La Ferla”.