C/mmare del Golfo: progetto “Velanzignu”, parte la prima tappa

Farsi la doccia con appena 4-5 litri di acqua al giorno. Di rifiuti quasi non se ne producono. Niente auto e stress. E’ la vita che da 7 anni conducono Enrichetta Fiorella e Antonello Salamone: stanno in una barca a vela, abbandonando la vita metropolitana. La loro esperienza è approdata oggi a Castellammare del Golfo nell’ambito del progetto “Velanzignu”, prima tappa di un tour che toccherà nei prossimi giorni San Vito Lo Capo, Trapani, Favignana e che si concluderà il 6 agosto a Palermo. Protagonisti i ragazzi a cui verrà narrata una favola in cui si mette in evidenza l’importanza del riscoprire il rapporto tra l’uomo e l’ambiente, mescolata poi all’esperienza diretta di Enrichetta e Antonello. Un’esperienza unica, in  cui viene raccontata la vita di tutti i giorni che è assolutamente ecosostenibile.

Raccontano di dovere ogni giorno riscoprire la necessità di essere ecosostenibili. E così in due si può arrivare a consumare appena 300 litri di acqua alla settimana, o addirittura non riempire neanche un sacchetto della spazzatura nell’arco di 7 giorni. Uno dei punti cardine della loro vita si fonda proprio sull’impatto zero a livello ambientale. Il loro stile di vita si basa sull’acquisto dei prodotti alla spina, eliminando quindi del tutto gli imballaggi.

I due lupi di mare oltretutto, se così possono essere definiti, sono anche degli urbanisti nella vota professionale. Un lavoro che li ha spinti ad approfondire anche gli stili di vita dei siciliani rispetto ai cittadini europei, tra cui c’è un abisso in termini proprio di esigenze nell’utilizzo di un’abitazione.