Cinque arresti per rissa

0
455

Una rissa scoppiata per motivi in pratica inesistenti, dovuta essenzialmente all’ira scatenata dai fumi dell’alcol che avevano abbondantemente assunto all’interno di un circolo ricreativo di contrada Pastorella, a Marsala, dove si stava svolgendo una serata danzante. Sono così stati arrestati cinque rumeni di età compresa  tra 20 e 31 anni.

I primi a finire nella mani dei carabinieri Alin Cretu e Constantin Purice –  rispettivamente di 30 e 31anni – che nel goffo tentativo di scappare a bordo di un auto, non appena scorti i militari in arrivo, sono andati a sbattere contro il palo dell’impianto del semaforo e due pali dell’illuminazione pubblica. Sono rimasti miracolosamente illesi; uno dei due presentava un tasso di alcol nel sangue molto superiore al consentito.

Gli altri carabinieri, invece, si sono fermati sul posto per raccogliere eventuali fonti di prova ed identificare i protagonisti dello scontro, due dei quali erano rimasti a terra per le ferite riportate; sono stati così trasportati al Pronto Soccorso dell’ospedale di Marsala.

Al 25enne Mihai Borbely  è stato diagnosticato un trauma al volto con ferita lacero – contusa al labbro e rottura del setto nasale, guaribile in 15 giorni, mentre, Gheorghe Ciprian Nedelcu, di 29 anni ha riportato un forte trauma cranico, guaribile in 10 giorni.

I carabinieri, giunti al Pronto Soccorso, grazie alle informazioni raccolte, hanno poi identificato il quinto soggetto coinvolto nella rissa: si tratta di Silviu Alexandru Blaj, poco più che 20enne, che presentava una ferita all’arcata sopraccigliare guaribile in 10 giorni. Per tutti sono scattate le manette e, di concerto con l’ Autorità Giudiziaria, sono stati posti ai domiciliari.

(Nella foto, da sin. in alto: Alin Cretu e Costantin Purice. In basso da sin.: Gheorge Ciprian Nedelcu, Mihai Borbely, Silviu Alexandru Blaj)