Castellammare del Golfo-Divieto per due fratelli di andare allo stadio

Non potranno frequentare lo stadio “Matranga” due fratelli di Castellammare del Golfo che hanno avuto notificati i Daspo. Ovvero il divieto di accedere a manifestazioni sportive, imposto dalla questura in caso di incidenti o altro. I due fratelli comunque non potranno assistere a gare in tutti gli stadi d’Italia. Ad uno è stato inflitto un anno di Daspo. Ad un altro ben due anni. I provvedimenti sono la conseguenza del rapporto predisposto dalla polizia a seguito di incidenti sugli spalti verificatisi durante la partita tra il Castellammare ‘94 e Partinicaudace, giocata lo scorso 19 novembre. Durante il primo tempo sugli spalti è scoppiata una lite e un giovanissimo tifoso del Partinicaudace sarebbe stato colpito al volto con un casco. La vittima decise di non presentare denuncia, ma scattarono le indagini della polizia. Le due tifoserie sarebbero state divise solo da un nastro rosso facilmente superabile. Durante il primo tempo, in una fase della gara, l’arbitro fischiò un fuori gioco a favore dei padroni di casa che contestavano la decisione mentre invettive partivano nei loro confronti da parte di alcuni tifosi  venuti da Partinico. Ciò avrebbe acceso gli animi di alcuni facinorosi e due sostenitori del Castellammare ’94 avrebbero colpito con un casco un giovane sostenitore dei neroverdi. Intervenne la polizia e i dirigenti delle due squadre che riuscirono a riportare la calma. Scattarono le indagini che hanno portato all’individuazione dei due fratelli di Castellammare nei cui confronti è scattato il divieto di frequentare gli stadi. I due hanno deciso di rivolgersi ad un avvocato per presentare ricorso contro il Daspo.