Castellammare del Golfo, caos viabilità: Comune verso un “piano parcheggi”

0
346

Un tecnico esterno per tentare di risolvere il nodo del caos al traffico veicolare che contraddistingue Castellammare del Golfo specie nel periodo estivo, quando la popolazione si triplica per effetto dell’arrivo di turisti, villeggianti e residenti dei paesi limitrofi. Il Comune ha affidato il compito a Davide Emmolo, ingegnere palermitano che ha offerto un ribasso d’asta del 21 per cento per un importo netto di circa 15 mila euro complessivi, compresi di oneri. A lui il compito della “redazione di una proposta progettuale di mobilità pubblica per uno sviluppo urbano sostenibile delle aree di parcheggio e di sosta a pagamento e riordino della viabilità urbana e pedonale per rispondere a criteri di fluidità e di sicurezza della circolazione nel territorio comunale”. Evidentemente le tante rivoluzioni all’assetto della viabilità degli ultimi anni, che hanno portato al varo di isole pedonali e zone a traffico limitato e persino all’attivazione di bus cittadini, non sono state sufficienti. Ed effettivamente basta andare nelle ore serali estive a Castellammare per rendersi conto che qualcosa non funziona in ambito di viabilità. Ed effettivamente nel periodo estivo basta andare nelle ore serali estive a Castellammare per rendersi conto che qualcosa non funziona in ambito di viabilità. Soprattutto quello che mancano sono i parcheggi e la conformazione del centro storico, con budelli fatti per lo più di viuzze dove se va bene al massimo ci si può posteggiare solo su di un lato, ne sono la dimostrazione di queste criticità. “E’ palese la necessità di redigere apposito piano non solo per le attività commerciali, garantendo spazi per il carico e scarico delle merci, – scrivono sindaco e giunta nella delibera in cui chiedono l’affidamento di un progetto tecnico – ma anche per i residenti, ipotizzando il rilascio di un permesso per nucleo familiare a titolo gratuito di tipo ‘mobile’ e ulteriori permessi dietro il pagamento di una somma al mese”. Ecco perchè il Comune vuole un vero e proprio piano redatto da un professionista del settore anzitutto per meglio regolamentare la sosta urbana: “Le scelte tecniche – si legge ancora nella delibera – dovranno essere dettate dall’esigenza di decongestionare il traffico nel centro cittadino, favorendo anche la creazione di nuove aree di sosta esternamente e nelle immediate vicinanze al centro urbano, inducendo l’utenza a recarsi in centro a piedi, in bicicletta, con i mezzi pubblici”.