Castellammare, assegnato bene confiscato alla mafia

    0
    115

    Un bene confiscato alla mafia in contrada Crociferi (o Bocca della Carrubba) è stato assegnato dall’amministrazione comunale di Castellammare del Golfo all’Associazione Castello Libero Onlus.

     

    Il bene assegnato all’associazione, costituito da un lotto di terreno agricolo di 2.356 metri quadri con un piccolo fabbricato rurale, da ristrutturare, è stato sequestrato a Salvatore Palazzolo,  e sarà gestito per trent’anni dall’associazione Castello Libero in partenariato con l’Agesci, l’associazione “Libera” e l’associazione Antiracket di Castellammare.

     

    Il bene è stato consegnato all’amministrazione, con decreto prefettizio, nel 2010 ed acquisito con una delibera della giunta guidata dal sindaco Marzio Bresciani, per essere destinato a finalità sociali.

     

    «La legalità si attua lavorando giornalmente nell’interesse della collettività. Il cammino di legalità intrapreso sin dal suo insediamento da questa amministrazione comunale – ha detto il vicesindaco Carlo Navarra, all’atto dell’assegnazione- si concretizza oggi con la restituzione, alla cittadinanza, di un bene sottratto alla criminalità. E’ una grande soddisfazione essere riusciti ad assegnare un bene confiscato e ad un’associazione come Castello Libero – continua Navarra – che, con Libera, l’Agesci e l’associazione Antiracket, ha presentato proprio un progetto che mira a realizzare il bene comune con iniziative sociali e di legalità. Oggi il nostro percorso – conclude il vice –sindaco – dimostra che la legalità, se davvero si vuole, passa da un semplice percorso di impegno e lavoro».

     

    Per l’assegnazione del bene confiscato alla mafia l’amministrazione ha pubblicato a febbraio un bando di selezione pubblica, ma alla selezione, aperta a varie tipologie di enti ed associazioni, ha partecipato solo l’associazione Castello Libero.

     

    La commissione di gara ha valutato anche il progetto di gestione presentato dall’associazione ed ha assegnato il bene. Dopo i previsti tempi tecnici l’amministrazione provvederà alla consegna ufficiale.

     

     

     

    (Nella foto: il vicesindaco Carlo Navarra, i componenti della commissione di gara, Rosa Maria Miceli, Simone Cusumano, Simone Magaddino, Baldassare Minaudo ed i rappresentanti delle associazioni Castello Libero, Libera, Agesci)