Case-vacanza fantasma a S. Vito Lo Capo, denunciato truffatore seriale

Offriva su internet appartamenti e case vacanze destinati ad ignari turisti che intendevano trascorrere le ferie nella rinomata località balneare di San Vito Lo Capo. All’oscuro di tutto, dopo aver pagato la caparra, partivano fiduciosi, convinti di essersi assicurati un confortevole alloggio per le tanto sospirate vacanze. Ma, arrivati sul posto, un’amara sorpresa ad attenderli: i malcapitati si rendevano immediatamente conto di essere stati truffati e di aver preso in affitto delle abitazioni fantasma. Case da sogno inesistenti, inserite in annunci su un noto sito online su cui gli aspiranti vacanzieri, italiani e non, effettuano lunghe ricerche per trovare la sistemazione ideale dove poter passare l’atteso periodo di relax nella splendida zona di villeggiatura. L’ideatore della truffa, M.A., è un giovane di Palermo; smascherato dai militari della locale Stazione dei carabinieri, è stato denunciato. I militari dell’Arma hanno sviluppato una delicata indagine attorno all’attività del palermitano e, dopo aver raccolto numerose denunce dalle vittime, sono riusciti a risalire alla fonte dell’inganno telematico. Da quanto accertato gli affari gli avrebbero fruttato circa 9 mila euro, totale delle caparre versate sul conto corrente del truffatore seriale. A fine ottobre era emersa una storia analoga in merito ad una fantomatica villa in contrada Fraginesi, a Castellammare del Golfo. Un’intera famiglia di napoletani, con annessi nonni, zii e nipoti, era arrivata nella cittadina marinara intorno alla metà di agosto, dopo aver pagato la caparra per l’affitto della casa, pensando anche di aver fatto un buon affare, ma tutto si era rivelato, al momento dell’arrivo, una fregatura. Alla famiglia di napoletani non è rimasto altro che rivolgersi ai carabinieri. Ad essere stato denunciato, in quel caso, un giovane di Capaci che mediante un sito internet creato ad hoc, promuoveva l’affitto di case di villeggiatura facendosi versare la caparra su una propria carta prepagata per poi scomparire nel nulla.