Cannizzaro, dalla Regione circa 4.000.000 per raddoppio conduttura

Passo avanti importante per evitare nuove emergenze idriche causate ad Alcamo da guasti e rotture alla conduttura esterna che porta l’acqua dalle sorgenti del partinicese e del monrealese fino ad Alcamo. Il dipartimento regionale Acqua e Rifiuti ha infatti ammesso a finanziamento il progetto definitivo per la manutenzione straordinaria e l’efficientamento della condotta idrica adduttrice di Cannizzaro. Un’opera di poco inferiore ai 4 milioni di euro. L’idea progettuale iniziale, messa in campo circa 4 anni fa, prevede la costruzione di una conduttura parallela a quella esistente, proveniente da Dammusi, dal by-pass e fino al bottino comunale. In questa maniera, qualora dovesse saltare la condotta esistente, gli alcamesi potrebbero almeno usufruire dell’acqua proveniente da Cannizzaro.

Secondo la costruzione di tale raddoppio, la cittadina rimarrebbe a secco come capitato recentemente, eccezion fatta per l’acqua che arriva da Montescuro Ovest tramite il contratto con Siciliacque. Il completamento dell’importante opera, per un totale di 3.817.164 euro, dovrebbe avvenire nel giro di un anno dall’affidamento dell’appalto. L’approvvigionamento di Alcamo è costituito attualmente dalle sorgenti Chiusa, Dammusi, Mirto nel territorio di Monreale e Partinico e quelle di Cannizzaro sempre nel partinicese. Poi c’è l’approvvigionamento garantito da Siciliacque e quello dalla società Rakali con i pozzi di Billiemi.

L’amministrazione Surdi durante il primo mandato ha realizzato i lavori di efficientamento energetico ed idraulico del sistema idrico Cannizzaro con il cambio di sistema di pompaggio e la sostituzione della condotta deteriorata fino a Contrada Scio, dove è stato realizzato il by pass che convoglia le acque provenienti da Cannizzaro nella condotta di Dammusi. Adesso il nuovo intervento, ammesso a finanziamento dalla regione, che andrà a raddoppiare la tratta che dall’inserzione in contrada Scio giunge fino ai serbatoi comunali. Inoltre le nuove opere serviranno ad annullare le notevoli perdite d’acqua da Cannizzaro a causa del deterioramento delle tubature.